19.1 C
Venezia
martedì 03 Agosto 2021

A Cà Foscari blocco delle mailing list

HomeLettereA Cà Foscari blocco delle mailing list

università ca foscari venezia

Si inasprisce a Ca’ Foscari il confronto tra le parti dell’Ateneo.

La dirigenza cafoscarina, evidentemente infastidita dallo sdegno manifestato a gran voce da docenti e personale in occasione degli episodi intimidatori seguiti al Senato del 22/1/2014, ha deciso di serrare ulteriormente gli spazi di confronto.
Da qualche giorno infatti è stato arbitrariamente modificato l’utilizzo delle mailing lists con le quali le rappresentanze sindacali contattavano e informavano personale docente e tecnico-amministrativo e che, nella fattispecie, in questo periodo stavano convogliando il malumore diffuso.

In pratica gli iscritti non sono più autorizzati a parlare direttamente tra di loro.

Se già questo non fosse sufficiente, è anche divenuto chiaro che questi spazi di confronto destinati a lavoratori e rsu, sono sottoposti al controllo attento proprio di Rettore e Direttore Generale, che ne hanno la completa titolarità. Come dire che viene concessa la libertà di parlare del padrone quando il padrone è in casa.. ed è lui a decidere se aprire la porta ad altri invitati.

Superfluo sottolineare che queste modifiche sono state attuate senza neanche la decenza di una comunicazione preventiva.

Rettore e DG non sono nuovi a queste manovre antidemocratiche: già tentato nel 2010, e poi goffamente fatto passare per un casuale errore informatico, il blocco delle mailing list è alla sua seconda edizione.

Non male per un Ateneo che pesa la sua democraticità sui ‘followers’ della propria pagina Facebook o per un Rettore che dice di sè stesso (perchè lui sì può comunicare a tutto il personale) di essere il “rettore che tutti vorrebbero avere”.

Cordiali saluti,

Paola Sponchiado
vice coord RSU di Ateneo

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.