5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
11.7 C
Venezia
domenica 16 Maggio 2021

25 aprile, di nuovo città al collasso per troppi turisti a Venezia

HomeNotizie Venezia e Mestre25 aprile, di nuovo città al collasso per troppi turisti a Venezia

troppi turisti a Venezia

Ormai non c’è più bisogno di controprove: se a piedi è sempre possibile cercare calli e percorsi alternativi, sbuffando perchè non si riesce a camminare, ma almeno ci si avvicina alla meta, Venezia collassa in uno dei suoi servizi primari in occasioni particolari di afflusso turistico: il trasporto pubblico non regge l’impatto.

Vaporetti stracolmi, corse saltate o in ritardo, code agli imbarcaderi, impossibile anche andare a piedi per non rimanere imbottigliati in una compenetrazione di corpi che sfugge alla fisica.
E’ vero che Pasquetta non aveva registrato grossi problemi, ma è stato soprattutto a causa del tempo: freddo e pioggia estemporanea avevano limitato l’assalto. Per il ponte del 25 aprile, però, il sistema ha crashato di nuovo: il giorno 25 aprile, di nuovo città al collasso per troppi turisti a Venezia.

Migliaia e migliaia di persone hanno raggiunto la laguna per una gita tra monumenti e musei, rigorosamente con panini e acqua nello zaino. Secondo le prime stime, ieri c’erano almeno 50 mila turisti in città e quasi tutti hanno preso prima o poi almeno un vaporetto. Ed ora non si capisce perchè nessuno si voglia porre la domanda: il sistema di trasporti cittadino, la rete di mezzi, è in grado di sopportare l’improvviso arrivo di 50.000 utenti? Soprattutto, poi, visto che si concentra in determinati orari.

I veneziani che dovevano andare al lavoro, tornare a casa, ma anche andare a comprare qualcosa, si sono imbattuti tutti contro fiumane di persone spesso sbracate che si sono impossessati delle vie cittadine e che sovente, anche alla sola richiesta di passare (“scusi, permesso…”) hanno sbottato infastiditi.
Per non parlare dei battelli, appunto, dove – ci vengono segnalati – bambini in piedi nei sedili per guardare fuori dal finestrino, oppure – peggio – zaini che occupavano anche i posti riservati alle persone anziane o alle signore incinta. E la lite sorge spontanea.

E’ giusto così? E’ questa l’immagine che vogliamo dare della città e dei suoi abitanti?

Qualcuno la domanda se la deve cominciare a porre visto che in rete, Twitter e Facebook, si moltiplicano proteste con tanto di fotografie scattate in vaporetto o sui pontili. E le proteste si stanno organizzando.

Paolo Pradolin

[26/04/2014]

Riproduzione vietata

Data prima pubblicazione della notizia:

Una persona ha commentato

  1. I veneziani devono svegliarsi e pretendere che l’amministrazione comunale agisca per migliorare la loro qualità di vita.

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor