20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Lotta dura all’accattonaggio, patto tra sindaci del Veneto

HomeNotizie VenetoLotta dura all'accattonaggio, patto tra sindaci del Veneto

bimbo chiede elemosina ragazzino abbandonato

Lotta contro l’accattonaggio. Il coordinamento veneto si allarga: nel patto per la sicurezza metropolitana che vede già uniti i sindaci di Padova, Treviso, Venezia, entra anche Vicenza.

I quattro capoluoghi veneti dichiarano guerra all’accattonaggio e al racket delle persone che lo sfruttano, mandando uomini, donne e a volte bambini lungo le strade delle città per chiedere l’elemosina.

Saranno così istituite banche dati con informazioni raccolte dalle polizie locali per una specie di «censimento» degli accattoni. Si sta studiano, inoltre, l’introduzione di un decreto penale di allontanamento dall’Italia, oltre ad una legge che introduca il reato penale di sfruttamento dell’accattonaggio.

Il fenomeno è in continua crescita, dovuto sì alle difficoltà economiche di molte famiglie ma anche e soprattutto a vere e proprie organizzazioni ben dislocate sul territorio.

Ieri mattina a Treviso hanno dato avvio al coordinamento il locale vicesindaco e assessore alla Sicurezza Roberto Grigoletto, e l’assessore alla Casa di Padova, Giovanni Battista Di Masi. Vicenza si aggiungerà in seguito.

Il foglio di via obbligatorio, o per casi più gravi il decreto di allontanamento dal territorio italiano, però, non convince tutti: se Padova e Treviso scelgono la linea dura, e anche Vicenza si è distinta negli anni per il pugno di ferro contro l’accattonaggio, Venezia vorrebbe mantenere una posizione più morbida. Anzi, il vicesindaco Simionato ha dei dubbi sull’efficacia di questi provvedimenti: «Non è detto che l’allontanamento sia efficace, veniamo da esperienze diverse con risultati differenti, sia positivi che negativi».

Paolo Pradolin

[20/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.