5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Calcio italiano, ieri il sistema Moggi, ma oggi? Di Mattia Cagalli

HomeCalcio,facciamo il punto. Di Mattia CagalliCalcio italiano, ieri il sistema Moggi, ma oggi? Di Mattia Cagalli
la notizia dopo la pubblicità

campo di calcio scena del crimine

Qualcosa sta cambiando nella classifica di serie A, o meglio sta tornando tutto come doveva andare fin dall’inizio.
Un rigorino qui, un fallo non fischiato là e con un sistema apparentemente innocuo e indolore (o quasi), come ogni volta le gerarchie vengono aggiustate.

Pare che ad esempio il Milan non possa rimanere fuori dall’Europa essendo probabilmente l’unica squadra che ci fa fare una figura quantomeno decente a livello Champions e che da qualche tempo addirittura si voglia a livello “mediatico” il Torino in Uefa.

Si parlava tanto di sistema Moggi, di arbitri addestrati per favorire la Juventus e pareva che tutto il marcio del calcio fosse provocato da Moggiopoli. Siamo proprio sicuri?

Certamente qualcosa c’era ma almeno era fatto in modo da apparire più equilibrato, le sfide di vertice erano decisamente più equilibrate. Ora i campionati si chiudono alla decima giornata e si assiste a recuperi e scalate (e di contro crolli), incredibili.

Ho sentito parlare del Torino che merita la Uefa quando era a meno dodici punti dal quinto posto. Perché? Perché secondo la stampa cartacea e televisiva lo meritava? Per il gioco espresso o per il bacino di utenza di cui dispone? Credo dipenda proprio da quest’ultimo, è questo il motore del calcio italiano.

In fin dei conti cosa serve che ci rappresenti in Coppa una squadra tifata da una sola città? Nulla perché la squadra sconosciuta nel mondo non porta introiti e fa quasi sicuramente anche poca strada (vedasi Udinese nelle ultime edizioni).

Il Campionato quest’anno era praticamente concluso e questo non va decisamente bene per i tifosi e soprattutto i dirigenti delle televisioni a pagamento.

Se il torneo a fine del girone di andata è da considerarsi concluso chi mai pagherebbe per vedere le restanti partite?

Quindi è praticamente ovvio che in qualche modo la faccenda andasse riaperta per rendere il tutto più interessante.

Come farlo se non con rigori regalati, arbitraggi a senso unico o chirurgici? Un rigore inventato per la Roma ha chiuso la partita contro l’Hellas Verona, due scandalosi hanno permesso al Torino di sbarazzarsi dell’Atalanta e così via in modo apparentemente casuale.

Perché ai tempi di Calciopoli gli arbitri erano corrotti e invece ora solamente incapaci? Cosa dovrebbe essere mai cambiato, in un paese dove si ruba e truffa per una gallina, possiamo veramente credere che in un ambiente dove circolano milioni tutto sia onesto?

Lo scudetto è oramai questione di pochi eletti, sono e saranno sempre le stesse a spartirsi il tricolore nella sala dei bottoni della Lega.

Sperare nella vittoria finale di una provinciale è semplicemente un sogno che rimarrà per sempre tale.

Quindi, pronto ad accettar scommesse che le prime sei squadre alla trentottesima giornata saranno sempre quelle, attendiamo la terza giornata.

Mattia Cagalli

[30/01/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...