0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Motoscafisti e gondolieri contro Comune (e Actv)

HomeNotizie Venezia e MestreMotoscafisti e gondolieri contro Comune (e Actv)
la notizia dopo la pubblicità

venezia traffico acqueo barche

Sono pochi i punti su cui sono d’accordo, probabilmente quasi nessuno e i motoscafisti, gondolieri e trasportatori chiedono a gran voce al Comune di sospendere i nuovi provvedimenti e aprire un dialogo diretto con loro

La “triade acquea” è convinta che i famosi 26 punti per la sicurezza in Canal Grande non risolveranno i problemi di traffico, ma renderanno ancora più complessi i rapporti tra lavoratori che si vedranno, stando alle loro parole, “limitare il diritto al lavoro”.

Sono i motoscafisti però quelli più arrabbiati a cui non vanno proprio giù le multe del sistema di controllo Argos, proponendo alcune soluzioni. Mettere i vigili al posto delle telecamere, ad esempio, porre il divieto di sorpasso ed eliminare gli abusivi: tutte soluzioni che, secondo i motoscafisti, ridurrebbero il problema delle troppe barche lungo i canali.

L’ordinanza emessa dal Comune, però, prevede proprio di limitare l’accesso al Canal Grande solo ai taxi di turno, facendo infuriare ancora di più la categoria che, oltre a non accettare il divieto di accedere agli alberghi prima delle 10.30, si domandano anche perché i vaporetti possono andare a 11 e loro a 5.

Ad unirsi al coro di proteste i trasportatori che non possono credere di non poter entrare più in Canal Grande dopo le 10 «dovremmo andare al Tronchetto a caricare alle 4 del mattino», sbottano.

I gondolieri, invece, rifiutano il progetto di eliminare le cavane e i pontili, assieme a quello di installare sulle proprie imbarcazioni i Gps. I “pope” fanno sapere, inoltre, che non hanno dato nessuno disponibilità nel modificare i percorsi delle serenate, chiedendosi come possono spiegare ai turisti che l’accesso a Rialto, nel loro giro, è vietato.

Ma se ogni categoria ha da ridire su alcuni punti che li toccano nel vivo, su una cosa sono tutti d’accordo: il problema è Actv. Per motoscafisti, gondolieri e trasportatori, infatti, ci sono troppi vaporetti e con il raddoppio dei pontili, il problema si ingrandirà creando ancora più ingorghi e traffico.

Sara Prian

[15/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...