Rapina “Volksbank” di Oriago: carabinieri arrestano subito responsabili

ultima modifica: 01/05/2010 ore 17:00

355

 


[01/05] Mattinata movimentata, quella di ieri, sulla Riviera del Brenta: i Carabinieri delle Compagnie di Mestre e Chioggia hanno arrestato tre soggetti, B.D., 40enne di Mira, M G., 39enne originario di Camponogara e B.S., 36enne, sorella del primo, a seguito della rapina perpetrata alle ore 11.45 circa, ai danni della filiale della Banca Popolare “Volksbank” di Oriago di Mira.

Intorno alle 12.00, a ridosso della pausa pranzo, un individuo camuffato con calza da donna sul viso, cappello e baffi finti ma armato di taglierino, si è introdotto nell’istituto bancario di Oriago, situato in via Venezia, e, minacciando le due cassiere, si è fatto consegnare tutto il denaro contante disponibile  – 9.000,00 euro circa – scappando poi uno a bordo di una macchina condotta da un complice.

Immediatamente l’allarme; sul posto è giunta una pattuglia della Tenenza Carabinieri di Mira che, raccolta velocemente la descrizione dei soggetti e, soprattutto, dell’auto utilizzata, ha fatto partire immediatamente le ricerche attuate in tutta la Riviera del Brenta e zone limitrofe.

 


La cinturazione della zona, con il coinvolgimento delle pattuglie dei Comandi dell’Arma vicini, ha permesso di rintracciare la vettura – risultata rubata nella giornata di mercoledì a Mira – immediatamente fuori dal centro abitato, mentre procedeva verso l’esterno, con a bordo B.D. che, controllato dai militari della Tenenza CC di Mira, è stato trovato in possesso del taglierino utilizzato nel corso della rapina.

Sono poi partite le ricerche del secondo soggetto ed, in effetti, i militari della Stazione Carabinieri di Camponogara lo hanno rintracciato a bordo della sua vettura, sulla strada che da Mira conduce verso  Campagna Lupia.
Al controllo a bordo della sua auto è stato rinvenuta in una busta di plastica l’intera somma in denaro sottratta alla Volksbank. 
A completamento del servizio, è stata fermata e condotta in caserma per accertamenti, anche la sorella di B.D.: la stessa, con la propria vettura seguiva il fratello quando lo stesso è stato fermato sull’auto rubata ed è stata notata più volte, nel corso della mattinata,  transitare dalla Banca ed osservare all’interno dei locali. 

I tre soggetti sono stati condotti in caserma e, al termine degli accertamenti, dichiarati in stato di arresto per rapina in concorso e tradotti presso il carcere maschile e femminile di Venezia, a disposizione dell’Autoprità  Giudiziaria procedente.

pp

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here