26.2 C
Venezia
martedì 28 Settembre 2021

MONTI BERLUSCONI VENDOLA INGROIA GRILLO | Una giornata di battaglia e la Borsa va giù

HomeNotizie NazionaliMONTI BERLUSCONI VENDOLA INGROIA GRILLO | Una giornata di battaglia e la Borsa va giù

Accesa battaglia a fini elettorali ieri tra Monti, Berlusconi, Vendola, Grillo e gli altri. Battaglia che si è arricchita ad ogni minuto di ulteriori puntate e aggiornamenti.
Ad un certo punto, verso mezzogiorno di ieri, Berlusconi, intervistato da La7, ammette di essere a favore del colpo di spugna fiscale: “Sarei assolutamente d'accordo nel fare il condono fiscale. Sono sempre stato avversato in questo dalla sinistra. Assolutamente sì. Del condono c'è assolutamente bisogno. Se avrò la maggioranza verrà  fatto”.
Passa una mezz'oretta e arriva la risposta di Monti: “Condono? E poi cos'altro?” risponde l'ex premier con un sorriso ironico.

Per Vendola invece la questione urgente è un'altra: “Prima misura in Cdm gli esodati. Risolvere la questione 'esodati' e intervenire per la messa in sicurezza delle scuole e il diritto allo studio”. Sono queste le misure che dovrebbero essere prese nei primi tre Cdm secondo il leader di Sel Nichi Vendola.

Ingroia poco prima delle 15 affossa la proposta del Cavaliere: “Da Berlusconi un romanzo criminale: con la promessa del condono tombale, ormai l'agenda di Berlusconi e' diventata un romanzo criminale”. “Nel tentativo disperato di arginare il crollo dei consensi l'ex premier vuole pescare i voti nel torbido dell'evasione fiscale: uno dei maggiori vizi strutturali del Paese che, invece, va affrontato con una lotta senza quartiere” ha dichiarato il leader di Rivoluzione Civile.

Poco prima delle 17 affonda la stoccata anche Alfano: “Monti si dimetta da senatore a vita. Chiediamo che il presidente Monti si dimetta da senatore a vita perche' gli italiani non possono pagare a vita chi offende gli avversari politici”, così Alfano segretario del Pdl.

Si aggiunge alla battaglia Beppe Grillo che rivela le intenzioni nascoste scrivendo un post sul suo sito: “La Discussione su Imu arma di distrazione di massa”. Il comico ha attaccato duramente Silvio Berlusconi, Mario Monti, Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini accusandoli esplicitamente di avere avviato sull'Imu un'operazione che mira a fuorviare gli italiani: “La discussione dell'Imu-si, Imu-no, Imu-ni da parte di chi ne è responsabile: dal presidente del Consiglio che lo ha proposto e dal padre padrone del partito che lo ha votato, fa venire il voltastomaco”.

Nel frattempo Piazza Affari chiude in perdita a -4,5%. L'indice Ftse Mib ha chiuso la seduta di Borsa con un ribasso del 4,50%, a 16.539 punti. Il valore è accompagnato dall'innalzamento della quota spread. A 280 punti lo spread tra i Bund tedeschi e i Btp italiani a dieci anni.

Al fatto Berlusconi dà  una lettura personale ieri sera: “Borsa giù per colpa di Mps”. Il leader Pdl si è così espresso: “La Borsa va giù perché c'è un grosso scandalo del Monte dei Paschi di Siena”. Silvio Berlusconi replica così da Trieste alle accuse del Wall Street Journal. Il caso di Siena, ha indicato, “porta la sfiducia degli operatori internazionali”.

Mario Nascimbeni
[redazione@lavocedivenezia.it]

Riproduzione Vietata
[05/02/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor