Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
13C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021

SEGNALAZIONI

HomeNotizie NazionaliPer rispetto ai grandi uomini della Storia voterò NO. Di Gianluca Teat

Per rispetto ai grandi uomini della Storia voterò NO. Di Gianluca Teat

Per rispetto ai grandi uomini della Storia voterò NO

Esiste un bellissimo video su internet che più di mille parole mostra il tipo di umanità che forgiò la Costituzione Italiana del 1948. Lo trovate su Youtube digitando «Generale Della Rovere Bombardamento». Dura circa un minuto. Provate a vederlo.

1944. Gli aerei alleati stanno bombardando una città italiana. Le esplosioni echeggiano e illuminano in modo sinistro l’oscurità della notte. Nel carcere detenuti politici e comuni urlano in preda al panico e domandano di poter abbandonare l’edificio. Temono di morire schiacciati sotto le macerie.

Un prigioniero illustre chiede di uscire dalla sua cella, ma non per dirigersi verso il rifugio antiaereo approfittando del suo grado di generale. Appena liberato, inizia subito a pronunciare un discorso «epico». Le sue parole, forti e decise, cominciano a risuonare nel grande ambiente e riescono a rincuorare e dare speranza a tutti i detenuti.

«Signori, vi prego calma! Signori, faccio appello alla vostra dignità! Amici! Italiani! Vi parla il

Diritto del Lavoro, a cura dell’Avv. Gianluca Teat

generale Della Rovere. Diamo un esempio a chi chiede di impartirci lezioni di coraggio! Facciamogli vedere di che pasta siamo fatti! Dimostrate a queste canaglie chi siamo! Noi non temiamo la morte! Loro debbono temerla! Ognuna di queste bombe che cade avvicina la loro fine e il nostro riscatto! Siate uomini! Urlate con me: viva l’Italia!»

Con Uomini così fu possibile creare quel mondo pacifico, prospero, onesto, dignitoso in cui sono cresciute le generazioni post 1945. Erano Uomini che avevano patito fame, freddo, miseria, bombardamenti, sofferenze di ogni genere e avevano solo un grande sogno: evitare che i loro figli e nipoti dovessero ripetere quelle esperienze a causa della stoltezza degli uomini. Il venir meno di questo tipo umano è la più grande minaccia alla fine della libertà, dignità e giustizia.

Tra gli Uomini così c’era anche mio nonno materno. Lo ringrazio ancora oggi per tutto quello che mi ha insegnato. Comandante di una postazione della Regia Marina a Pantelleria sotto costante minaccia di attacchi nottuni di kommandos inglesi, tre naufragi durante operazioni belliche degne di un film, ritrovato in mare dopo giorni alla deriva tra le onde del Mediterraneo, decorato per meriti di guerra e infine prigioniero dei tedeschi. Umile, onesto, dignitoso e libero fino alla fine dei suoi giorni.

Per rispetto di questi uomini voterò NO a una legge di revisione costituzionale voluta dai poteri forti (banca e grande industria) (anche Obama vuole il sì) che hanno un solo scopo nel lungo periodo: rafforzare, anche grazie alla legge elettorale, degli esecutivi sul «libro paga» della finanza mondiale che «bastoneranno» meglio i lavoratori e le famiglie italiane quando la miseria aumenterà ulteriormente. Si tratta di un nemico infinitamente peggiore del Fascismo che comunque ebbe sempre un senso di socialismo e solidarietà nazionale, degenerando completamente solo verso la fine della guerra.

Anni difficilissimi ci attendono. Il cambio di tipo di economia disgregherà presto, come un lento ma inesorabile bombardamento, il tessuto sociale italiano ed europeo. Le bombe delle liberalizzazioni, della globalizzazione, della lotta al costo del lavoro, delle pensioni da fame, del monetarismo, delle finanza speculativa, della new economy dei lavori e servizi inventati, del fallimento economico generale, pian piano, favoriranno la crisi delle attuali élite e la nascita di nuove generazioni molto meno «ipocritamente politicamente corrette» delle precedenti.

Ieri come oggi, «ognuna di queste bombe che cade avvicina la loro fine e il nostro riscatto! Siate uomini!»

E’ possibile che tra 20 anni sia necessaria la lotta armata in Italia e in molti paesi d’Europa per difendere la libertà, la dignità e la giustizia dal potere delle élite economiche globali, quando non ci sarà più «l’ammortizzatore sociale» rappresentato dal benessere delle generazioni precedenti e i discorsi delle Autorità saranno un omaggio puramente ipocrita, formale e grottesco a tali valori (già i discorsi attuali sono così).

Quando quei tempi verranno, l’unica speranza saranno Uomini come questi. «Siate Uomini!»

Dedicato a mio nonno e a tutti gli Uomini come lui.

Avv. Gianluca Teat

gianluca teat avvocato lavoro

Autore del Breve manuale operativo in materia di licenziamenti, 2016, Key Editore; Coautore di Corte Costituzionale, Retribuzioni e Pensioni nella Crisi. La sentenza 30 aprile 2015, n. 70, 2015, Key Editore

Potete contattarmi via e-mail all’indirizzo avv.gianluca.teat@gmail.com oppure attraverso il mio profilo Facebook Avv. Gianluca Teat o visitare il mio sito internet http://licenziamentodimissioni.it/index.html

14/11/2016

Riproduzione vietata

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.