18.9 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Voce del Verbo di oggi: Pescare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

HomeVoce del Verbo di Andreina Corso Voce del Verbo di oggi: Pescare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

pescatore rientra barca tramonto light

Voce del Verbo
Pescare
Prima coniugazione Modo infinito.

Pescare, prendere i pesci. Pesca come pane. Pescare nel vuoto, quando nulla c’è.
Pescare a caso, contando sulla fatalità e addirittura sulla fortuna. Pescare la carta giusta, nel gioco d’azzardo.
Ernest Hemingway ci ha raccontato la storia di un vecchio pescatore, Santiago, di un ragazzo, Manolin e di un grosso pesce, pare si chiamasse marlin.
Sì, ricordate? Il vecchio e il mare.
Vediamo Santiago affidarsi alla sua barca che scivolerà sul letto dell’Oceano Atlantico, è un vecchio sconfitto che da tanto tempo ormai torna al villaggio con le reti vuote.

Questa volta, ecco, lo vedete anche voi? Ha abboccato un pesce talmente grande che a Santiago non pare vero. Eppure ce l’ha nelle sue mani. La lenza tira forte, ma il vecchio resiste.
Una gara leale la loro, il pesce per la sopravvivenza e Santiago per la sua dignità che attende riscatto. E anche per bisogno. I pescatori di quel villaggio cubano non erano ricchi…
Del pesce arriverà a riva solo l’enorme lisca, il resto lo hanno azzannato i pescecani.
Per pescare ci vuole una grande fede sulla verità e una notevole capacità di attendere, di pazientare.
E poi c’era un ragazzo che aspettava scrutando l’oceano. E quella speranza trasforma la pesca in un ignoto che neppure il mare sa spiegare.

Andreina Corso

30/11/2014

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.