COMMENTA QUESTO FATTO
 

Verbo caro a raffinati pensatori che affidano alla mente e alla sua razionalità la ricerca del giusto e del vero.
Oggi Discernere ha ripreso vigore dal suo ingresso nel recente Sinodo, proprio per volontà di papa Francesco, instancabile pastore del benefico rigore, che ha invitato a distinguere, comprendere, differenziare, prima di giudicare.

Senza questo passaggio selezionato su questo verbo “ritrovato”, ci invade una coltre di nebbia, che fa sbagliare giudizio, che non ci fa ritrovare la strada di casa. E mentre ci perdiamo, ci abbandona anche la nostra umanità.

Discernere: Ecco Dante: “Oscura e profonda era (la valle) e nebulosa tanto che… io non discernea alcuna cosa”.
E Ugo Foscolo: “L’errante fantasia mi porta a discernere il vero”.

E noi a discernere il bene dal male, il falso dal vero, per vedere chiaro con la vista e con l’intelletto, anche quando tutto è buio, sapendo che solo la nostra fatica di scorgere, individuare può evitarci errori imperdonabili.

Andreina Corso

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here