Voce del Verbo: Bollire, 3a coniugazione, modo infinito

ultimo aggiornamento: 28/06/2015 ore 09:11

148

Sarebbe a dire portare ad ebollizione un liquido, l’acqua per cuocere la pasta, ad esempio, che bolle solo quando non la guardiamo, non la sorvegliamo.
Bollire e ribollire, come quando si è arrabbiati e davvero ci sembra di avere un via vai di rumori e friggimenti nello stomaco che ci raccontano un malessere, una voglia di rivolta, un desiderio di sfida e anche di vendetta (ma solo un po’).

E poi quel ribollire nella testa di idee e visioni, di cose dette che non volevamo dire, di cose non dette che avremmo voluto pronunciare.
Ma ecco che sbolliamo se una imprevista pioggia d’estate punteggia segni d’acqua dal cielo e poi proprio ci passa tutto se un arcobaleno inaspettato ci insegna come sbollire la rabbia.
Ci prende per mano e ci riconduce con calma alla parte quieta che pur resiste, in noi.

Andreina Corso


28/06/2015

Riproduzione vietata


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Una persona ha commentato

Please enter your comment!
Please enter your name here