Voce del Verbo: Cucire, 3a coniugazione, modo infinito

ultimo aggiornamento: 31/05/2015 ore 08:22

123

Cucire, rammendare, aggiustare.
Verbo di carattere disponibile, amico delle riparazioni e dei rimedi.
Cucire, gesto oramai poco praticato, se pensiamo ad una mano che prende un ago, un filo, fa la mira sulla crune e poi paziente, sotto una luce fioca aggiusta calzini, accorcia pantaloni e gonne.

Timidamente cucire si presenta alla nostra osservazione proprio perché sappiamo che sarebbero tante le cose da aggiustare, o meglio da ricucire.
Se è vero che quel che è rotto rimane rotto, nell’immaginario del nostro impulso risanatore vediamo fili e poi fili ancora a tenere in piedi ciò che sta per cascarci addosso.

E sembra quasi impossibile che fili così leggeri di cotone o di seta possano diventare filtri di speranza. Ci piace cucirle quelle illusioni, appiccicarle bene al cuore, affinché nessuno e tanto meno la modernità possa tagliare la loro forza risanatrice.

Andreina Corso
29/05/2015
Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here