COMMENTA QUESTO FATTO
 

anziani case riposo vecchiaia

Ti stanno celebrando verbo invecchiare, stanno svegliando i tuoi sonni, ti devono festeggiare.
Perché proprio oggi tu dirai ?
E’ La festa dei nonni, non lo sai?

Che bello è la mia festa, della mia vita. . . che resta. . .
Quel che resta c’è e respira con te!
Non lo vedi quell’albero davanti a noi, sta perdendo le foglie, ogni ramo pende, ma non si arrende.
L’albero, l’albero, tu dici e non sai quel che dici. Scorre la luce nelle sue vene, che abbaglia così tutte le pene.

Se essere vecchio è cosa triste, dimmi perché esiste!
Il tempo, tu sai, scorre veloce, se non lo ascolti la sua voce è atroce, ma se gli riservi un lieve candore, prende la tua mano. E lieve si muove.

Sto dentro al giorno che mi ripara, mi metto in mostra e mi specchio tremante sul mio sorriso ridente.

E’ la tua festa, non vedi i bambini che stanno a guardarti, ti sono vicini. . .

Che festa sia, è detto e fatto, il mio ricordo è intatto. Ho salvato le regioni del mio cuore che sono anche le mie ragioni. E le tue, se vuoi, te le posso serbare.

Adesso sei stanco, va’ a riposare.

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Andreina Corso

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here