Voce del Verbo. Infittire, 3a coniugazione, modo infinito

ultimo aggiornamento: 14/08/2015 ore 18:03

63

Infittire: mettere stretti stretti e in fila gli eventi della vita fin qui vissuti.
Ci appare una foresta di larici composti, tutti rivolti al cielo.
Fitti sono i ricordi presenti e ancor più quelli dimenticati.
Massi smontabili e indomiti risiedono nelle zone d’ombra e attendono che la vita offra loro altre occasione per il gioco del resistere.

Si infittiscono le circostanze che la memoria riesce ad attrarre e a mostrare.
Una nebbia fitta le ripara e offre riposo e cura.
Ancor meglio ci ripara l’oblio, che infittendosi di vaghezza sorride senza riso a ciò che resta del tempo e tramanda al sonno la sua incoscienza.
Pensieri fitti, troppi pensieri pesati e tarati per ogni esistenza che cerca un varco per uscirne viva.
Si impongono fitti i rumori della modernità, squilli di cellulari offuscano il canto degli uccelli che si riparano nei loro nidi e chi il nido non ce l’ha più si accosta ai tronchi degli olmi agostani che caldi e accoglienti d’afa trattengono il respiro.

Andreina Corso


14/08/2015

Riproduzione vietata


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here