Voce del Verbo: Ferire, 3a coniugazione, modo infinito

ultimo aggiornamento: 17/06/2015 ore 08:43

73

Ferisce la spada, la parola, il silenzio, la maleducazione, il tradimento.
Ferisce la malafede, l’indifferenza.
Alcune ferite possono essere curate, come un taglio di una mano, un ginocchio sbucciato. A volte basta un buon disinfettante e presto tutto passa.

Altre ferite stentano a rimarginarsi, sono quelle più inaspettate, inferte da chi non ci aspettavamo, che mai avremmo pensato ci potessero venire rivolte.
Diciamo pure che sono cicatrici permanenti che questa volta l’alcool non basterà a risanare. E neppure la polvere o la pomata.
Per alcune ferite, l’unico medicinale è il tempo che conta sulla debolezza della nostra memoria e sull’afasia della parola. Del resto un fatto non raccontato è come se non esistesse. Sarebbe interessante capire qual è il posto dei medicamenti dell’anima.
E’ un segreto inusitato che non ama rivelarsi, forse per paura di trovarsi ferito a causa della sua riservatezza. Di questi tempi la misura, il garbo, la gentilezza sono merce rara, derisa e poco apprezzata.

Andreina Corso


17/06/2015

Riproduzione vietata


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here