Voce del Verbo di oggi: Soffiare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

ultima modifica: 15/12/2014 ore 05:45

125

gabbiano a venezia

Voce del Verbo
Soffiare
Prima coniugazione Modo infinito

Soffia un vento musicale fra i minuti e le ore.
Un suono. forse una fisarmonica che rapisce il respiro.
Un gabbiano curioso si affaccia dal tetto e pensa che quel suono sia suo.
Ma perchè stai arrivando, Natale?
Giungi visibile d’invisibilità a tormentare anche coloro che credevano di averti dimenticato.
Il gabbiano, ad esempio.
Lui non festeggerà, ma riceverà il premio di vedere una slitta correre per il cielo.
Un evento raro. Lui saluterà le renne e babbo Natale.

E le onde del mare immagineranno il loro Natale.
Festeggeranno i pesci in santa quiete, i colombi dal loro covo sui tetti, le stelle che apriranno
ben bene gli occhi per verificare se questo è un vero Natale. O un Natale vero.
Ma perchè stai tornando, nonostante il tempo che non riesce ad usurare la tua fatica.
Ma come fai, ma come fate care renne a vivere in quel “soffiare” che diventa nota, flauto
ammorbidente di sogni rimossi.

Andreina Corso

Riproduzione Riservata.

LEGGI TUTTO

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Carnevale di Venezia 2020
➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here