18.2 C
Venezia
martedì 03 Agosto 2021

Voce del Verbo di oggi: Scarabocchiare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

HomeVoce del Verbo di Andreina Corso Voce del Verbo di oggi: Scarabocchiare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

scarabocchi su foglio

Voce del Verbo
Scarabocchiare
Prima coniugazione – Modo infinito

Nei giorni di festa sei impenetrabile. Lettere frettolose, parole stereotipate, ripetitive e usurate, calpestano i bigliettini augurali, che in queste giornate si spendono e si mettono in liquidazione.
Il guadagno? L’illusione.
Auguri scarabocchiati, spesso segnati dalla fretta, dal dover dire cose e parole che non si hanno voglia di pronunciare.
Manca il concetto, diceva un uomo pensoso che non c’è più.

Cosa ci si augura a Natale se non un gesto scarabocchiato dal segno della provvisorietà, come se in una notte si potessero sciogliere le tensioni, le distanze, come se un alone di bontà altrui riuscisse a renderci migliori, come se la stella cometa potesse raccontarci la nostra storia.
Come se il bue e l’asinello potessero scaldare le nostre speranze, come se quel bambino nato in povertà e in mezzo all’indifferenza di altri umani potesse renderci migliori.
Eppure… sì qualcosa travolge anche i più scettici e persino i blasfemi.
Una specie di fede robusta si largo fra la gente: è la fede dell’uomo ne suo simile che pur tormentato dal suo scetticismo rimane tuttavia coinvolto in una corsa senza un punto d’arrivo. Sullo sfondo, ma irraggiungibile, un uomo su una croce di legno.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.