22.7 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Voce del Verbo di oggi: Scandalizzare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

HomeVoce del Verbo di Andreina CorsoVoce del Verbo di oggi: Scandalizzare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

carabinieri eseguono arresto

Voce del Verbo
Scandalizzare
Prima coniugazione Modo infinito

Verbo perennemente in gara fra lo scandalo di ieri e quello di domani.
Inflazionato e imitato, ti muovi con apparente agilità fra ruberie, violenze, imbrogli.
Non credo ci si possa abituare a rimbalzare continuamente sulle coscienze indignate
e giudicanti che se possono, ti evitano e persino ti tolgono il saluto.
Siamo tutti scandalizzati quando non siamo noi a scandalizzare.
Eppure qualcosa ci dice che “oltre” non si può più arrivare.

Il paese è in ginocchio e c’è chi ruba sull’accoglienza dei bambini stranieri da ospitare.
Le telecamere mostrano e i giornali riportano ospedalieri che ammazzano i malati, poliziotti che fanno patti con la mafia.
Politici che rubano: corrotti, corrosivi e spegiudicati, umiliano la parte migliore di questo Paese.
“Eppur si muove…”, c’è questo mondo di gente onesta che assiste incredula e disarmata alle violenze che ogni giorno i media ci riportano, e talvolta dubitiamo persino sulla verdicità dei fatti.
Per difenderci, per allontanare lo sconforto.
E’ vero che ogni cittadino ha diritto alla presunzione d’innocenza e che la democrazia si regge anche su una buona e attenta legislatura, ma la misura è colma e finisce che qualcuno ti chiama, ti invoca, Verbo scandalizzare.
Ti chiede di rimuovere le miserie che viviamo o facciamo vivere, ti prega di scaldare l’aria fredda che congela la speranza e calpesta l’innocenza.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.