22.7 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Voce del Verbo di oggi: Paragonare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

HomeVoce del Verbo di Andreina Corso Voce del Verbo di oggi: Paragonare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

riunione famiglia anziani raccontano

Voce del Verbo
Paragonare
Prima coniugazione Modo infinito

Paragonare, mettere a confronto, misurare.
Il bello di Paragonare è che non ce la fa mai ad essere chiaro, persuasivo.
E’ sempre vicino ad una somiglianza, ma poi si accorge che non è così, non sempre ciò che è paragonabile è convincente.
Poi, in fondo, i paragoni sono ingenerosi, se uno vince, l’altro perde.

Paragoniamo i giorni nostri con gli anni passati. Ben sappiamo quante mutazioni sono avvenute nel frattempo.
Le generazioni che ci hanno preceduto potevano contare sul posto di lavoro, i vecchi vivevano in famiglia, morivano nel loro letto.
Era meglio, era peggio? Chi può dirlo, ci vorrebbe un buon paragone.
Impossibile paragonare quel tempo ignorando la tecnologia, gli sconfinati mezzi di comunicazione che ci mette a disposizione.
Il paragone non regge e non vuol reggere l’ago della bilancia confusa fra tecnologie.
La sua memoria fatta di storia vissuta, intrecciata di conversazioni, di vicinanza.umana… chissà perché, vuole convincerci di aver superato la prova!
Di aver offerto semplicità e di aver rifiutato l’eccesso e in fondo anche il senso dell’utilità del confronto.

Andreina Corso

04/10/2014

Riproduzione vietata

&#9674 Leggi tutti i verbi del giorno di Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.