29.8 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Voce del Verbo di oggi: Pacificare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

HomeVoce del Verbo di Andreina CorsoVoce del Verbo di oggi: Pacificare. 1a coniugazione, modo infinito. Di Andreina Corso

girotondo grandi si tengono per mano

Voce del Verbo
Pacificare
Prima coniugazione – Modo infinito

Ci vorrebbe un miracolo per celebrarti degnamente.
Proviamo a capire cosa può succedere affinchè Pacificare diventi il Verbo di tutti.
Prima cosa, prendere una camomilla calda e zuccherata.
Poi dare a tutti una casa e un lavoro.
E poi ancora togliere alla Difesa tutte le armi. Tutte nel senso di tutte e di ognuno.

Ecco che ora cambiamo registro, pacifichiamo con la mente, l’intelligenza e il cuore.
Ho detto cuore? Sì, il cuore. Scusa, avevo dimenticato gli affetti.
– Se tu parli, io ti ascolto. Tu fa altrettanto. se alzi la tua bandiera, lascia che anch’io alzi la mia. Se sei in disaccordo con me, permettimi di ribadire. E di ascoltare.
Come dici? Pacificare non vuol dire essere pacifici? Vuol dire lottare?
– Sì, ma solo per la causa giusta!
– E qual è quella giusta?
– Quella che sta dalla parte dei più deboli.
– E se io ho tutto, e posso avere tutto…
– Tutto no, le mie idee no, quelle no!
– Cosa posso fare?
– Rifletti pacificamente.

Andreina Corso

10/11/2014

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Togliere le armi sarebbe come eliminare un sintomo e non il male che lo provoca. Vorremmo trovare il modo di educarci:
    > alla tolleranza, capire che i precetti religiosi aono scaturiti per necessità di convivenza sociale e da esigenze di vita in ambienti dove la natura è impietosa.
    > ad una visione della vita basata sulle necessità primarie e secondarie, che non comprendano il superfluo eccessivo, il potere, il dominio.
    Vorremmo pensare a noi in pace con noi stessi per espandere la coniugazione del verbo pacificare a coloro con i quali conviviamo e a tutti quelli che incontriamo casualmente.
    Ci provo, ma quanto è difficile…
    Laura

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.