Voce del Verbo di oggi: Leggere (2). 2a coniugazione, Modo infinito. Di Andreina Corso

ultimo aggiornamento: 04/01/2015 ore 07:42

171

ragazza che legge che studia

Voce del verbo
Leggere (2)
Seconda Coniugazione Modo infinito

Chissà cosa ha pensato l’occhio, quando ha incontrato la parola, quando l’ha vista, toccata, annusata.
E lei, la parola, cosa avrà pensato nel vedere l’occhio e la sua pupilla indagare le sue lettere, fermarsi di tanto in tanto, osservare i segni, immagazzinarne il significato.
E poi, cos’è successo alla nostra storia, alla conoscenza recepita attraverso le parole?


Le parole hanno raccontato il tempo. Ogni momento della storia passata si può leggere, studiare, rileggere e ripensare. Si può condividere o criticare. Si può persino riscrivere.
Forse non ci rendiamo abbastanza conto della ricchezza del leggere, tutte le trasformazioni sono a portata di libro, qualsiasi disciplina è depositata in volumi e aspetta solo la nostra mano disponibile ad aprire quel libro.
Un po’ troppo ovvia, forse, la frase: un libro per amico.
Eppure anche nell’amicizia si consuma e si pratica il Verbo leggere, perché le pagine che restano dentro di noi, accompagnano i pensieri nelle nostre notti meditative e avvertiamo che ci sentiamo “liberi”, la nostra mente è quieta mentre ricordiamo e assimiliamo la poesia leopardiana. Una poesia amica.
Se un uomo può scrivere versi che rimangono impressi nei secoli, significa che il significato di leggere è anche bellezza, è anche verità.
Significa che siamo anche noi, quelli che possiamo affezionarsi e valorizzare il verbo leggere, dandogli vita, respiro e movimento.

Andreina Corso

[03/01/2015]


Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here