Voce del Verbo di oggi: Credere. 2a coniugazione, Modo infinito. Di Andreina Corso

ultimo aggiornamento: 06/03/2015 ore 06:12

125

aumenta buono pasto scuole asili di venezia

Voce del Verbo
Credere
Seconda coniugazione Modo infinito

Credere in quanto credo, non solo in quanto penso e posso.
Credo, non tanto nel cartesiano concetto del Cogito ergo sum ( penso e quindi sono ), ma del credere perché è necessario, è una tensione invalicabile in quanto, se credo posso sperare.
Posso sapere che esisto, mi tocco le mani, ascolto il battito del mio cuore, mi annuso e mi sento, in quanto unico relativo proprietario del mio corpo.
Se credo in me posso aprire le braccia, respirare a fondo e osservare gli altri da me che cercano di evitare lo smarrimento. E posso anche incoraggiarli.


Fra credere e non credere si misura la qualità della fiducia fra gli uomini.
Pur sapendo che è sempre preferibile credere che diffidare, questo è un verbo molto impegnativo e pesa sul suo essere unico nella fragilità e nella vulnerabilità dell’animo umano.
I bambini credono in noi adulti e il loro credo è ferreo ed innocente. Guai a ferirlo.
Innocenza e credo si coniugano agevolmente, così come il pastore e il suo gregge, il cielo e le nuvole, la terra e l’erba nel dolore e la gioia di essere.
Credere assolve, mette in soggezione e ci mostra spalle curve in meditazione: le nostre.
Crediamo di riconoscerle, ma la forma è vaga e merita un accertamento.

Andreina Corso

05/03/2015

Riproduzione vietata


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

2 persone hanno commentato questa notizia

  1. Io credo alle persone che hanno lottato per stare insieme. Perchè incontrarsi e stare insieme è facile, è incontrarsi e combattere per stare insieme che è un po’ più difficile. Credo alle persone che litigano e hanno il coraggio di abbandonare il proprio orgoglio per chiedere scusa, per darsi un abbraccio e tornare a guardarsi come prima, a quelle che ogni tanto non si sopportano, perchè è umano anche se si è innamorati. Io credo alle persone che hanno pianto, hanno creduto di essersi persi e invece si sono ritrovati più forti di prima perchè non è amore solo scriversi Ti amo ovunque, è amore anche affrontare mille ostacoli ma continuare ad amarsi e volersi nonostante tutto.
    Io credo che sia tutto qua. Bisogna accettare che non abbiamo il controllo di tutto e che spesso, molto spesso, le cose non vanno come vogliamo.

Please enter your comment!
Please enter your name here