3.4 C
Venezia
sabato 16 Gennaio 2021

Carabinieri arrestano 17enne incubo dei coetanei

Home Città Metropolitana di Venezia Carabinieri arrestano 17enne incubo dei coetanei
sponsor

Violenza minorile: Carabinieri arrestano 17enne incubo dei coetanei

sponsor

I Carabinieri della Stazione di Mirano, hanno tratto in arresto su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale dei Minori di Venezia per i reati di rapina aggravata, lesioni personali aggravate e porto illegale di strumenti atti ad offendere un diciassettenne di origini marocchine, che nei giorni a ridosso delle festività Natalizie aveva già creato diversi problemi a coetanei, mettendo in opera due distinte rapine con violenza – usando più volte un coltello e indossando il cappuccio per celarsi.

commercial

Due le rapine contestate, commesse in sequenza nel giro di circa un’ora lo scorso 26 dicembre. Il ragazzo, dopo essere uscito di casa sottraendo dalla cucina un coltello, aveva avvicinato un coetaneo celando il proprio volto con il cappuccio del giubbotto e mediante la minaccia della lama lo afferrava per un braccio per farlo scendere dalla bicicletta; quindi si faceva consegnare, brandeggiando a più riprese il coltello che lacerava il giubbotto del malcapitato, denaro e telefono cellulare, allontanandosi a bordo della bicicletta, pure sottratta con la forza.

Passano 45 minuti ed il ragazzino veniva notato da un gruppo di coetanei aggirarsi, in sella alla bicicletta rubata per le strade di Santa Maria di Sala; sentitosi osservato il ragazzo – per nulla intimorito dall’inferiorità numerica – aggrediva e minacciava sempre con il coltello uno dei ragazzi richiedendo la consegna del cellulare. La reazione del gruppo però nella circostanza è stata solidale ed il baby rapinatore veniva costretto a scappare consapevole che la rapina non potesse avere un buon epilogo. Grazie alle testimonianze in sede di denuncia il responsabile veniva ben presto individuato e denunciato dai Carabinieri della Stazione di Mirano.

Il lavoro dei militari non era evidentemente finito con tale atto, i Carabinieri avevano infatti segnalato il ragazzo per l’indole e la condotta particolarmente violenta e spregiudicata; il giovane marocchino, infatti, non riconoscendo alcun richiamo da parte di nessuna Autorità, a partire dalla madre naturale, minacciata pesantemente sin dalla stesura degli atti in caserma, la quale – intimorita – aveva addirittura chiesto ai Carabinieri di non venire lasciata da sola con il figlio.

L’episodio era stato riportato dalle cronache con una aurea di allarme di bullismo e disagio giovanile, pur essendo circoscritto ad un ambito ben preciso e riconducibile – alla luce del lavoro investigativo dei Carabinieri – ad un unico soggetto attivo.

L’Autorità Giudiziaria minorile ha concordato in pieno con le risultanze di indagine e gli accertamenti eseguiti dai militari, che hanno ricondotto con certezza al giovane i due distinti episodi di rapina ai danni di ragazzi residenti in zona del Salese, emettendo un provvedimento restrittivo della libertà personale del ragazzo, non solo giustificato dalla commissione dei gravi reati di rapina aggravata, lesioni personali e porto abusivo di coltello, ma proprio in considerazione della conclamata capacità e possibilità di reiterare il reato ed alla sua conclamata pericolosità sociale, corroborate non solo dall’assoluta mancanza di ravvedimento anche di fronte ai tutori della legge, ma soprattutto dall’evidente incapacità di rendersi conto del significato delle proprie azioni.

Tant’è che il giovane, condotto in caserma, è andato in escandescenze, mettendo in opera viva resistenza, cercando di divincolarsi con energia, avventandosi sui militari che cercavano di riportarlo alla calma. Anche il patrigno, ovvero il nuovo compagno della madre – sempre di nazionalità marocchina, subiva in prima persona le ire del giovane, ormai fuori da qualsiasi controllo, venendo colpito al volto con un pugno. I militari, consapevoli che la situazione fosse pericolosa in prima istanza per il giovane stesso ma anche per tutti i presenti, hanno dovuto richiedere l’intervento del 118 per la somministrazione di un calmante.

Il motivo di tale stato di forte alterazione è forse spiegato anche da quello che i Carabinieri gli hanno trovato addosso nel corso della rituale perquisizione personale prima della traduzione: ossia una “sigaretta” confezionata con Hashish, insieme al rimanente “sasso” di stupefacente.

Al termine degli accertamenti e delle attività a corollario il giovane è stato condotto presso il carcere minorile a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente. (cod. art. carabinimir)

17/01/2016

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

La morte di Daiana, 28 anni, mentre cammina in Strada Nova, sconvolge Venezia

La morte di Daiana, 28 anni, ha sconvolto la città. Già quando si riferiva di un improvviso malore per la giovane donna, mentre si...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Accumulatore scomparso, lo trovano morto sotto metri di abbigliamento

Accumulatore scomparso da giorni, i pompieri lo trovano morto sotto alcuni metri di abbigliamento. Oggi pomeriggio, venerdì 15 gennaio 2021, i vigili del fuoco sono...

Coronavirus Venezia, quasi 10% di ricoveri in più in 3 giorni a Venezia e Mestre

Coronavirus Venezia e provincia che è ormai diventato come tirare i dadi ogni giorno. Al trend segnalato ieri con un leggero rallentamento dei numeri,...
commercial

Il virus torna a scuola: classi che riprendono subito fermate (due a Venezia)

La scuola è ripartita ma nella provincia di Venezia ben otto classi sono state fermate dopo la pausa natalizia. Sono quelle in cui ha...

È morto Ivone Pitteri della Taverna Brenta di Oriago

È scomparso ieri, domenica 10 gennaio, il titolare della Taverna Brenta di Oriago di Mira, Ivone Pitteri, a 60 anni. Era conosciuto e stimato....

Venezia surreale per il covid. La basilica di San Marco diventa “faro”

Di Giorgia Pradolin E' un meraviglioso set a luci spente Piazza San Marco. Vuota e immersa nel silenzio, tranne l'eco di qualche passo sui masegni,...

Covid martedì in Veneto: numeri pesantissimi. Prima regione d’Italia per nuovi contagi

Covid oggi in Veneto che si apre con un dato molto pesante. Il numero dei morti per Covid-19 in Veneto registra oggi, martedì, 166 decessi...

Veneto “arancione” oggi, ma a rischio zona rossa domani

Veneto "arancione", come abbiamo visto, ma esiste il rischio di finire addirittura in zona rossa con i numeri attuali per un molto probabile cambio...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...
sponsor

Dati Covid Veneto oggi in calo. Flor “gela” Crisanti

Dati del Covid in Veneto oggi in calo nel bollettino odierno della Regione del Veneto. I nuovi contagi nelle ultime 24 ore sono 1.715,...

Quando finisce il Grande Fratello VIP? La conferma di Signorini

Dopo un primo allungamento all'8 febbraio e le successive voci che parlavano di "finale il 15 febbraio", nell'ultima puntata di GF VIP Party Alfonso...

È morta Gina Smerghetto, la mamma del falconiere Ivan Busso

È morta ieri, venerdì 15 gennaio, Gina Smerghetto di 65 anni. È scomparsa poco prima della celebrazione del funerale del figlio Ivan Busso, il...

Nuovo Dpcm: altra stretta, ma è scontro con le Regioni

Nuovo Dpcm, in arrivo un'altra stretta. Si andranno a modificare i coefficienti ma il focus sarà anti-movida con un ulteriore stop agli spostamenti. Il nuovo...

Zaia conferma variante inglese ma non solo: “In Veneto 8 mutazioni”

Zaia conferma la variante inglese del virus: "Il virus non è più lo stesso di marzo. Nella mia regione i genetisti dell'Istituto zooprofilattico delle...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
commercial

Crisanti: “Variante Inglese responsabile in Veneto? Bloccare Regione!”

Andrea Crisanti: "Variante Inglese responsabile in Veneto? Bloccare Regione subito!". Il professore di Microbiologia all'Universita' di Padova "legge" le ultime dichiarazioni del governatore Luca...

Veneto zona arancione, cosa cambia. Cosa si può fare

Veneto zona arancione. Nella spinosa situazione in cui non ha evidentemente voluto entrare il presidente Zaia, ci entrano i provvedimenti nazionali aggiustando l'Rt, sotto...

Coronavirus Venezia, altri 12 morti in un giorno. Ulss 3 Serenissima vaccina più di tutte

Coronavirus Venezia e provincia: numeri dei nuovi contagiati in calo rispetto alla media giornaliera. Un dato che da speranza nonostante la fisiologica diminuzione di...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Ragazzina tagliata sulla bocca da coetaneo per emulare ghigno di Joker

Ragazzina tagliata sulla bocca da coetaneo, solo leggermente più grande, per farla assomigliare al sorriso-ghigno di Joker, l'antagonista dei film di Batman. Questa la terribile...

Emilio Deboschi – allunno dea terza ellementarre. Tema: I miei cari parenti.

(Riceviamo e pubblichiamo). Emilio Deboschi – allunno dea terza ellementarre. Tema: I miei cari parenti. ...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.