Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
8.8C
Venezia
sabato 27 Febbraio 2021
HomeNotizie di aperturaLe vigilesse hanno vinto, possono rifiutare le pistole

Le vigilesse hanno vinto, possono rifiutare le pistole

Le vigilesse hanno vinto, possono rifiutare le pistole

Il Giudice del lavoro ha sancito il diritto all’obiezione di coscienza a otto vigilesse che hanno rifiutato la dotazioni delle armi. Un riconoscimento importante all’interno di una vicenda strettamente legata all’obiettivo del Comune di assegnare una pistola tutti i vigili della polizia locale. Già l’obiezione di coscienza aveva raggiunto il suo scopo fondamentale per quegli agenti che durante la Leva militare avevano optato per l’alternativo servizio civile e quindi il Comune ha dovuto rispettare la loro scelta e rinunciare all’assegnazione delle armi.

Per le donne, che non sono chiamate al servizio di Leva, non esistevano ragioni fondate, secondo il Corpo dei vigili per rifiutare la dotazione di armi. Una evidente discriminazione , anche sul piano intellettuale e civile, che ha trasferito tutta la questione in sede legale. La causa è stata aperta dal Diccap, che ha avviato un ricorso per discriminazione di genere alla Sezione Lavoro del Tribunale di Venezia.
Gli avvocati Luca Mandro, Francesco Mason e Roberto Mazzuia, hanno sostenuto la posizione etica del sindacato e delle vigilesse, ottenendo per le lavoratrici la possibilità di ricollocazione, sia all’interno dell’Arma, che in altri uffici comunali.

Luca Lombardo, coordinatore del Diccap veneto, in attesa dell’ultima udienza prevista per il 20 dicembre, che dovrebbe sancire la definitiva posizione lavorativa delle vigilesse, si rammarica per il fatto di aver dovuto percorrere le vie legali per ottenere giustizia, per ottenere il riconoscimento di un diritto fondamentale, come quello esercitato dalla libera coscienza in una materia così delicata.

Il Comune, che in un primo momento aveva sostenuto l’estromissione dal Corpo delle vigilesse, qualora non avessero accettato le armi, oggi alla luce della posizione del Tribunale del lavoro che ha riconosciuto la legittimità dell’obiezione di coscienza alle otto donne del Corpo, dovrà tener conto di questo importante riconoscimento che entra a tutto titolo nel diritto della persona a scegliere liberamente su questioni etiche che appartengono alla sua coscienza e che non può, né deve subire costrizione alcuna.

Andreina Corso

17/11/2016

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Tragedia nel Trevigiano

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Una tragedia esplode nel pomeriggio del sabato nella provincia di Treviso. Un padre di 43 anni...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...

Trambusto a Piazzale Roma: straniero si denuda in tram e aggredisce tutti

Si denuda a bordo del tram e poi aggredisce il conducente e gli agenti: arrestato dalla Polizia locale a Piazzale Roma. Protagonista uno straniero che...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Giuseppe Conte: la fidanzata Olivia Paladino, l’ex moglie e il figlio

Dal primo giugno 2018 Giuseppe Conte è presidente del Consiglio dei ministri. I suoi 56 anni portati benissimo e il suo aspetto curato hanno...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...
spot

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...

Delfino spiaggiato a Sottomarina. Una rete da pesca nella laringe

Delfino spiaggiato a Sottomarina (Venezia): è il primo caso dell’anno sul litorale veneto. Una rete da pesca ritrovata nella laringe di un tursiope da parte degli esperti dell’Università di Padova.

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.