7 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Le vigilesse hanno vinto, possono rifiutare le pistole

HomeNotizie Venezia e MestreLe vigilesse hanno vinto, possono rifiutare le pistole
la notizia dopo la pubblicità

Le vigilesse hanno vinto, possono rifiutare le pistole

Il Giudice del lavoro ha sancito il diritto all’obiezione di coscienza a otto vigilesse che hanno rifiutato la dotazioni delle armi. Un riconoscimento importante all’interno di una vicenda strettamente legata all’obiettivo del Comune di assegnare una pistola tutti i vigili della polizia locale. Già l’obiezione di coscienza aveva raggiunto il suo scopo fondamentale per quegli agenti che durante la Leva militare avevano optato per l’alternativo servizio civile e quindi il Comune ha dovuto rispettare la loro scelta e rinunciare all’assegnazione delle armi.

Per le donne, che non sono chiamate al servizio di Leva, non esistevano ragioni fondate, secondo il Corpo dei vigili per rifiutare la dotazione di armi. Una evidente discriminazione , anche sul piano intellettuale e civile, che ha trasferito tutta la questione in sede legale. La causa è stata aperta dal Diccap, che ha avviato un ricorso per discriminazione di genere alla Sezione Lavoro del Tribunale di Venezia.
Gli avvocati Luca Mandro, Francesco Mason e Roberto Mazzuia, hanno sostenuto la posizione etica del sindacato e delle vigilesse, ottenendo per le lavoratrici la possibilità di ricollocazione, sia all’interno dell’Arma, che in altri uffici comunali.

Luca Lombardo, coordinatore del Diccap veneto, in attesa dell’ultima udienza prevista per il 20 dicembre, che dovrebbe sancire la definitiva posizione lavorativa delle vigilesse, si rammarica per il fatto di aver dovuto percorrere le vie legali per ottenere giustizia, per ottenere il riconoscimento di un diritto fondamentale, come quello esercitato dalla libera coscienza in una materia così delicata.

Il Comune, che in un primo momento aveva sostenuto l’estromissione dal Corpo delle vigilesse, qualora non avessero accettato le armi, oggi alla luce della posizione del Tribunale del lavoro che ha riconosciuto la legittimità dell’obiezione di coscienza alle otto donne del Corpo, dovrà tener conto di questo importante riconoscimento che entra a tutto titolo nel diritto della persona a scegliere liberamente su questioni etiche che appartengono alla sua coscienza e che non può, né deve subire costrizione alcuna.

Andreina Corso

17/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.