Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
10.9C
Venezia
venerdì 26 Febbraio 2021
HomeNotizie di aperturaVerona: Il Prefetto requisisce l’Hotel Cristallo per accogliere i profughi

Verona: Il Prefetto requisisce l’Hotel Cristallo per accogliere i profughi

Verona: Il Prefetto requisisce l’Hotel Cristallo per accogliere i profughi

Quando un Prefetto arriva a requisire un hotel, vuol dire che stiamo vivendo uno stato di necessità e di emergenza che impone decisioni che coinvolgono tutta la collettività. Piaccia o no, 2.500 profughi hanno avuto bisogno di ricevere accoglienza e altri se ne prevedono nei prossimi giorni.

Siamo in Provincia di Verona e tanti sono stati i “no” da parte dei suoi 98 Comuni, del resto in buona e serrata compagnia con le 250 municipalità del Veneto su 576, che hanno rifiutato di ricevere i profughi.

Questa realtà costruita sui dinieghi all’accettazione di immigrati ha costretto il Prefetto Salvatore Mulas a requisire l’Hotel Cristallo di Castel d’Azzano, anche in considerazione dell’arrivo di 300 ulteriori presenze, registrate solo negli ultimi giorni.

E del resto il Prefetto ha risposto ad una esigenza legislativa che impone alle prefetture di dar risposte concrete al bisogno di ospitalità e persino una legge riferita a 160 anni fa consente la requisizione “per gravi e urgenti necessità pubbliche”.

L’Hotel Cristallo, a 4 stelle e con 93 stanze a disposizione fa parte del Gruppo Clap Hotels della famiglia Poiani, che ha già messo a disposizione di cento richiedenti asilo, un altro suo Albergo, il Monaco, fin dall’inizio di quest’anno, definendo molto positiva l’esperienza con gli ospiti.

Ora però la famiglia Poiani è preoccupata in quanto aveva ricevuto le prenotazioni per Fiera Cavalli che si svolgerà a Novembre, quindi si tratta di ripensare alle collocazioni, di riconvocare i Sindaci e rivedere i termini dei provvedimenti.

Basterebbe rispettare i provvedimenti in essere che su base regionale assegnerebbero una ripartizione equa fra comuni. Tre richiedenti asilo ogni mille abitanti, non dovrebbero stravolgere gli equilibri demografici territoriali e del resto altre questioni rimangono aperte e in via di revisione e sviluppo.

Questioni che riguardano la gestione dei Centri di Assistenza straordinaria gestiti da cooperative convenzionate con la Prefettura e la funzione stessa del circuito Sprar (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati, costituisce una rete di centri di “seconda accoglienza” destinata ai richiedenti e ai titolari di protezione internazionale). Il coordinamento fra Comuni, Municipalità, Prefettura, ha bisogno di essere rafforzato, coeso, ma a causa di troppe porte chiuse e in tanti casi inaccessibili, si crea una situazione d’emergenza che potrebbe essere evitata a vantaggio di tutti.

Andreina Corso | 19/10/2016 | (Photo: repertorio, migranti) | [cod mipreve]

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Una persona ha commentato

  1. Quando e stato l’ esodo istriano nel dopo guerra, hanno costruito dei campi profughi dove venivano accolte tutte le persone che avevano abbandonato le proprie terre. Quelli erano ITALIANI in baracche queste persone (con tutto rispetto) non italiani….in albergo con solo diritti e niente doveri. Se permettiamo di requisire e FINITA…..vuol dire che possono requisire anche le case private con spazi disponibili.davanti a questo fatto bisogna assolutamente che..ZAIA come presidente reg. e Salvini come partito di opposizione si mettano davanti al popoloVENETO e prendano una ferma POSIZIONE…altrimenti dobbiamo rassegnarci a diventare schiavi e bastonati a casa NOSTRA.
    ABBIAMO QUELLO CHE CI MERITIAMI.

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Tragedia nel Trevigiano

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Una tragedia esplode nel pomeriggio del sabato nella provincia di Treviso. Un padre di 43 anni...

Weekend, anche a Venezia assembramenti: ribellione o disinteresse?

Nonostante le prevedibili reazioni dei commentatori da social ("Fanno bene...", "Siamo stufi...", ecc..) che arriveranno, chi si occupa di cronaca non può tacere quanto...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Trambusto a Piazzale Roma: straniero si denuda in tram e aggredisce tutti

Si denuda a bordo del tram e poi aggredisce il conducente e gli agenti: arrestato dalla Polizia locale a Piazzale Roma. Protagonista uno straniero che...

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E’ la seconda volta in 3 giorni

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E' la seconda volta in 3 giorni che intervengono i vigili del fuoco nel ristorante cinese "Il...

Delfino spiaggiato a Sottomarina. Una rete da pesca nella laringe

Delfino spiaggiato a Sottomarina (Venezia): è il primo caso dell’anno sul litorale veneto. Una rete da pesca ritrovata nella laringe di un tursiope da parte degli esperti dell’Università di Padova.
spot

Coronavirus Venezia, numeri tornano oltre 100 nuovi casi in 24 ore

Coronavirus a Venezia e provincia che si mantiene in una situazione stazionaria nonostante il leggero aumento dei 'nuovi casi' dopo la tendenza positiva degli...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.