A Venezia il campionato dei tuffi dei turisti nei canali

ultimo aggiornamento: 11/08/2015 ore 09:10

292

bagno venezia ponte danieli XVE

Povera Venezia nostra, quante ne dovrai ancora vedere (e sopportare). In questa pazza estate 2015 dopo le tende, i sacchi a pelo en plen air, le biciclette, arrivano i tuffi e i bagni per rii e canali allo scopo di immortalare la bravata su social e blog.

9 agosto 2015, si chiude la XVI edizione dei Campionati mondiali di nuoto che si è appena svolta a Kazan’, in Russia.
La celebrazione prevede evidentemente diverse manifestazioni in parallelo e nella nostra città sono in programma esibizioni di tuffi di turisti nei canali della città.


All’ora di pranzo (ma notizie non confermate parlano di altri tuffi in mattinata in Rio di Cannaregio), mentre amici e amiche riprendono con gli smartphone, un giovane turista piega accuratamente i vestiti (tutti) sui gradini del pontiletto di legno del traghetto della Pescheria (Rialto) e si fa abbracciare dalle acque del Canal Grande.
Pare che l’idea originaria fosse di fare la traversata Rialto – Cà d’Oro, fortunatamente il giovane ha desistito arrivando fino a metà Canale. Fortunatamente appunto, visto che proprio lì in mezzo, oltre a vaporetti e taxi, passano idroambulanze e mezzi VVF in urgenza, tra l’altro.
Al termine del bagnetto l’uomo è risalito, natiche e pendagli al vento, con estrema calma si è asciugato, rivestito, e se ne è andato.

Il programma delle esibizioni prevedeva altri tuffi in serata in altra parte della città. Verso le 19, infatti, dal ponte del Danieli, a San Marco, altri giovani turisti si sono esibiti nella nuova specialità (foto) sotto gli sguardi divertiti degli amici che riprendevano e degli altri turisti che guardavano. Mancavano invece gli sguardi delle pattuglie che costantemente sono presenti sulle rive di San Zaccaria. Mah.

Il timore è che sia passato ormai il messaggio che a Venezia tutto sia tollerato, dagli abusivi alla violenza sociale dei nuovi negozi, che sia una città in cui tutti si girano dall’altra parte, forse perché esausti. Con buona pace del nuovo sindaco Brugnaro che invoca una città reattiva e attenta. A cominciare dalla vigilanza.


Paolo Pradolin

10/08/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here