3.8 C
Venezia
sabato 04 Dicembre 2021

Venezia, sospendere le disinfestazioni perché: “Ghe fa mal al mio can”. Lettere

HomeLa ProtestaVenezia, sospendere le disinfestazioni perché: "Ghe fa mal al mio can". Lettere
la notizia dopo la pubblicità

Venezia, sospendere le disinfestazioni perché: "Ghe fa al mio can". Lettere

Io capisco l’amore per gli animali e soprattutto quello per i cani. Non ne ho mai preso uno perché dovendo stare molto fuori casa sarebbe un egoismo che non lo farebbe stare bene. Così, tanto per capire.
Detto questo, non capisco come si può mettere altre priorità davanti alla sicurezza, alla salute, alla lotta al virus, all’igiene, di questi tempi.

Questa la situazione: un paio di giorni fa la mattina presto andando a lavorare, passando per San Bortolo, ho visto una signora anziana con il cagnolino al guinzaglio che parlava con uno degli addetti che esegue la disinfestazione per le strade. Uno di quelli con le tute bianche.

La signora, con fare risentito, aveva attaccato polemica con l’addetto perché: “Quella roba che i buta ghe fa mal al can, el xe un acido e el mio can lo respira…”.

L’incaricato all’igienizzazione con grande pazienza e molta calma cercava di spiegare alla signora che i prodotti utilizzati sono approvati dalle norme vigenti e quindi non possono essere dannosi o nocivi. Anche le diluizioni sono fatte apposta altrimenti i prodotti potrebbero fare male anche all’uomo.

La signora non si convinceva delle spiegazioni e continuava i suoi rimbrotti, nonostante l’addetto provasse a spiegarle che non era possibile sospendere le igienizzazioni, ora più che mai.

Confesso che non mi sono messa in mezzo, mi sono fermata un attimo per capire come mai ci fosse la discussione, ma poi ho proseguito.

Come dico, ho grande rispetto per chi cura e ama un animale e io stessa amo gli animali, però secondo me ci possono essere delle scelte che vanno fatte anche se possono comportare (forse, non ne sono neanche sicura) degli aspetti secondari negativi. Come quella di fare la disinfestazione delle strade in questo momento.

Spero che la signora legga questa lettera, o che qualcuno vicino a lei gliela possa leggere. Nessuno vuole il male del suo cane o degli animali in genere, ma per questa cosa, in questo momento, non si può protestare.

Grazie.

(lettera firmata)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...