Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
10.9C
Venezia
venerdì 26 Febbraio 2021
HomeAnimaliVenezia, Polizia "libera" animali abbandonati alla Giudecca

Venezia, Polizia “libera” animali abbandonati alla Giudecca

scippo a san marco sventato

A Venezia i latrati disperati di due cani hanno convinto due cittadini a chiamare il 113.

Intervento quindi a Giudecca – Sacca Fisola della volante lagunare della Polizia di Stato che ha trovato in stato di completo abbandono uccelli in gabbia e due cani.

I fatti: domenica mattina, alle 8, stanchi e preoccupati per il continuo abbaiare di cani, proveniente dall’appartamento di uno stabile dell’ATER a Sacca Fisola, due cittadini si sono decisi a chiedere l’intervento della Polizia con una chiamata al 113.

Da due giorni ormai i cani abbaiavano incessantemente e da ancor più tempo gli assegnatari dell’alloggio non si sono visti in giro.

L’odore che esce dall’appartamento fa temere il peggio. I poliziotti che intervengono chiedono ausilio ai VVFF che, arrivati sul posto, cercano di entrare nell’alloggio da una finestra.

A bloccare i soccorritori più che le difficoltà tecniche è l’odore nauseabondo che esce dai locali.

Solo grazie all’utilizzo di tute ermetiche e maschere di ossigeno si riesce finalmente ad accedere all’appartamento.

Scongiurata l’eventualità tragica per gli assegnatari, la scena che si presenta di fronte ai poliziotti è raccapricciante.

Le condizioni igieniche sono drammatiche, i luoghi si presentano in uno stato di completo degrado ed abbandono; inoltre nell’appartamento ci sono delle gabbie con uccelli senza acqua né cibo e due cani.

Il primo, un boxer, è steso a terra prostrato da caldo e sete e non reagisce il secondo, di taglia più piccola, cerca di nascondersi dietro ai mobili del bagno.

Si prova subito a dare un po’ di sollievo agli animali riempiendo contenitori di acqua.

Il boxer beve incessantemente per molti minuti mentre il cagnolino riesce a farlo solo quando i poliziotti conquistano la sua fiducia.

Gli uccelli, silenziosi, intanto si abbeverano senza sosta.

I veterinari dell’ULSS 3, chiamati dalla pattuglia, intervengono immediatamente e si prendono carico degli sfortunati animali costretti a vivere in una condizione igienicamente intollerabile che il caldo di questi giorni ha reso crudele.

L’assenza di cibo e di acqua ha debilitato gli animali che solo grazie alle cure dei veterinari riprenderanno vigore.

Passata la preoccupazione, arrivano i provvedimenti per i due titolari dell’immobile: ora si procederà nei loro confronti per le contestazioni amministrative e penali che la legge prevede per l’abbandono ed il maltrattamento di animali.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

2 persone hanno commentato

  1. …lasciati chiusi in una stanza senza cibo ne acqua come i loro cani …. e poi rifocillati …IN GALERA !!! O se hanno soldi a sufficienza, megamulta da donare agli ospizi per animali.

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Tragedia nel Trevigiano

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Una tragedia esplode nel pomeriggio del sabato nella provincia di Treviso. Un padre di 43 anni...

Weekend, anche a Venezia assembramenti: ribellione o disinteresse?

Nonostante le prevedibili reazioni dei commentatori da social ("Fanno bene...", "Siamo stufi...", ecc..) che arriveranno, chi si occupa di cronaca non può tacere quanto...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Trambusto a Piazzale Roma: straniero si denuda in tram e aggredisce tutti

Si denuda a bordo del tram e poi aggredisce il conducente e gli agenti: arrestato dalla Polizia locale a Piazzale Roma. Protagonista uno straniero che...

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E’ la seconda volta in 3 giorni

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E' la seconda volta in 3 giorni che intervengono i vigili del fuoco nel ristorante cinese "Il...

Delfino spiaggiato a Sottomarina. Una rete da pesca nella laringe

Delfino spiaggiato a Sottomarina (Venezia): è il primo caso dell’anno sul litorale veneto. Una rete da pesca ritrovata nella laringe di un tursiope da parte degli esperti dell’Università di Padova.
spot

Coronavirus Venezia, numeri tornano oltre 100 nuovi casi in 24 ore

Coronavirus a Venezia e provincia che si mantiene in una situazione stazionaria nonostante il leggero aumento dei 'nuovi casi' dopo la tendenza positiva degli...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.