lunedì 17 Gennaio 2022
2.6 C
Venezia

Venezia, funzionario della Regione Veneto si suicida

HomeNotizie Venezia e MestreVenezia, funzionario della Regione Veneto si suicida

Venezia, funzionario della Regione Veneto si suicida

Lo ha fatto mercoledì scorso, gettandosi dall’alto di Palazzo Linetti, sede regionale a Cannaregio dove lavorava, l’uomo di 51anni che ha deciso di chiudere con la vita. Si è lasciato andare da una finestra del terzo piano e il suo corpo è stato trovato più tardi da un addetto alle pulizie del Palazzo in Calle Priuli.

Nel pomeriggio, la sorella che come lui abita a Padova, ha ricevuto un messaggio che l’aveva turbata e per questo ha cercato di chiamarlo ripetutamente. E inutilmente.

E poi il silenzio a trasmetterle l’angoscia che le suggerisce di rivolgersi alla Questura di Padova, che a sua volta ha interpellato i Carabinieri della Centrale Operativa di Venezia.

La realtà da sola spiega la circostanza. Inutile ricercare arbitrariamente i motivi, per quel gesto ultimo. Si sa che il funzionario stava soffrendo per la morte della madre, che era molto apprezzato alla Regione Veneto e che si occupava con competenza di settori delicati amministrativi (contratti, bandi). E’ stato molto attivo nella ricerca di soluzioni ai problemi provocati dalle alluvioni in Veneto. Pezzi e pezzetti di vita incrociano la ricerca del perché di quella scelta.

E poi quel volo che mette a tacere e in disparte tutte le supposizioni, perché quando succede una tragedia così grande e definitiva, ogni parola di troppo è da evitare.

Andreina Corso | 06/05/2016 | (Photo d’archive ) [cod suive]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Vorrei ringraziare la vostra testata giornalistica per la delicatezza con cui ha trattato questa tragedia umana che ci ha toccato così da vicino. La fragilità umana che accompagna ognuno di noi e che in particolari momenti della nostra vita ci rende più vulnerabili, non dovrebbe essere vista come momento di debolezza, perché il dolore che ognuno porta dentro di sé può assumere dimensioni diverse, forse a volte eccessive, ma non per questo giudicabili. Vogliamo ricordare così il nostro caro amico, un uomo sensibile, gentile e delicato verso gli altri che sapeva contraddistinguersi dalla massa.

    • Buongiorno Vanna, nessun ringraziamento ci è dovuto. Davanti a drammi così grandi, l’etica professionale e la sensibilità personale ci impongono un rispetto che serve a far sentire solo il dolore come è umano sia. Tutto il resto è fatto da dimensioni che non ci appartengono e che, in molti casi, non dovrebbero appartenere neanche al giornalismo.
      Paolo P.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Malore improvviso: muore a 52 anni mentre parla col collega

Malore improvviso mentre parla con un collega. Una circostanza apparentemente inoffensiva e priva di pericoli che però, in questo caso, non ha egualmente lasciato scampo alla vittima. Luca Cogno aveva 52 anni e venerdì mattina si è sentito male mentre stava conversando...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...