COMMENTA QUESTO FATTO
 

Venezia - Feralpisalò 1-0. La squadra c'è, il pubblico latita

Il Venezia mette un altro mattoncino nella costruzione della serie B. Mancano ancora 5 partite alla fine del campionato ma il successo infrasettimanale conquistato al Penzo contro il Feralpisalò di Michele Serena dice che la squadra allenata da Pippo Inzaghi ora la promozione nella serie cadetta la può solamente perdere e tutto dipende da loro.

Un match che si è messo subito bene per gli arancioneroverdi che hanno sbloccato il risultato dopo solo 9 minuti grazie ad un calcio di rigore fischiato per un netto fallo di mano in area e realizzato da Ferrari.

Il Venezia ha cercato di chiudere la partita spingendo sull’acceleratore ma la squadra allenata dal grande ex Michele Serena ha dimostrato come il successo di domenica scorsa sul Padova non sia arrivato per caso e dopo aver registrato qualcosa in difesa ha venduto cara la pelle al Venezia.

Nella ripresa, un po’ per il caldo, un po’ per risparmiare energie, la squadra di Inzaghi ha più gestito che giocato portando comunque a casa tre punti fondamentali per la corsa verso la promozione.

Lunedì prossimo il derby con il Padova all’Euganeo. Un rivincita dopo l’1-3 dell’andata al Penzo ma forse anche il primo match point per chiudere il discorso e iniziare a pensare ai festeggiamenti.

«Partita che vale sei punti perché gara complicata. C’era poca gente ma siamo stati bravi malgrado le defezioni – ha commentato nel dopo partita mister Inzaghi – Abbiamo disputato un ottimo primo tempo in cui oltre al vantaggio non abbiamo mai rischiato. Nella ripresa qualche incertezza ma loro hanno avuto una sola occasione frutto di un nostro errore. In questo momento conta vincere perché i punti valgono doppio. Complimenti al Feralpi e anche a chi ha giocato arrivando dalla panchina. Stiamo mantenendo un passo straordinario ma non abbiamo ancora fatto nulla. Il traguardo, però, indubbiamente si avvicina. Questa è una classifica che tutti avremmo sognato ad inizio campionato. Adesso pensiamo a lunedì e al derby»

(foto: il momento del rigore vincente di Ferrari)

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here