Venezia, cadavere ripescato dall’acqua di fronte alla stazione

ultimo aggiornamento: 15/07/2015 ore 07:07

157

venezia cadavere ripescato dall'acqua stazione

Un probabile malore potrebbe essere all’origine dell’annegamento in Canal Grande, a Venezia, di un uomo, il cui corpo è stato scoperto ieri notte nel tratto di fronte alla stazione ferroviaria.

L’uomo era privo di documenti e i carabinieri del gruppo natanti stanno cercando elementi per poter procedere all’identificazione.
Secondo un primo esame medico esterno sulla salma, il cadavere non presentava segni di violenza.


Il corpo galleggiava nelle acque antistanti la stazione di Santa Lucia, era vestito con jeans e maglietta.
Apparentemente, il corpo appartiene ad un uomo attorno i 50 anni che sarebbe rimasto in acqua poche ore prima.

L’ipotesi più verosimile è che l’uomo si sia sentito male e sia caduto in acqua, e poi per il peso degli abiti inzuppati e le forze che mancavano, non sia riuscito a riemergere.
Al momento non risultano denunce di persone scomparse riconducibili al ritrovamento, è possibile quindi pensare che si tratti di un turista.

Redazione


15/07/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here