18.1 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Venditori abusivi, all’inceneritore 35 quintali di prodotti sequestrati a Venezia

HomeNotizie Venezia e MestreVenditori abusivi, all'inceneritore 35 quintali di prodotti sequestrati a Venezia

La Centrale operativa della Polizia municipale ha reso noto che, questa mattina, circa 35 quintali di merce sequestrata durante l’attività di contrasto del commercio ambulante abusivo, sono stati portati all’inceneritore di San Donà di Piave per essere distrutti.

Si tratta di merce di vario genere, tra cui borse, borsoni e cinture, oggetto di confisca amministrativa oppure sottoposti a sequestro penale perché contraffatti e di cui la magistratura ha disposto la confisca e la distruzione.

Nello specifico sono 938 gli oggetti sequestrati nel 2012 per esercizio abusivo dell’attività di commercio su area pubblica e circa 50 i pezzi di merce contraffatta sequestrata nell’estate 2014. La merce è stata trasportata con mezzi Veritas dal magazzino di Piazzale Roma all’inceneritore di San Donà di Piave, dove sarà distrutta.

Redazione

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Poveracci? Questi poveracci si portano a casa 100-150 euro al giorno esentasse, e si distribuiscono i plateatici sul territorio in modo efficente e sistematico alla faccia di chi lavora sul serio e paga tutte le tasse……. Possibile che ci sia ancora qualche boccalone che crede alle fiabe buoniste?

  2. Che senso ha distruggere cose, abiti, oggetti che potevano essere dati a chi ne ha bisogno?
    Esiste la legge che sancisce tutto questo?
    E’ una legge sbagliata. Il Parlamento dovrebbe porre rimedio.
    Inoltre a cosa serve sequestrare ciò che permette di vivere? E’ merce abusiva? E’ una buona ragione per distruggerla e distruggere anche chi sopravvive vendendola?
    C’è il racket? Lo si individui e si arrestino i responsabili, non è bello gettare nella disperazione le vittime.
    Proviamo ad immaginare cosa può mettersi a fare un uomo che si trova senza niente…
    Interessa poco? E’ evidente.
    Cosa rimarrà? tanta cenere (inquinante) e più persone che dovranno … arrangiarsi?
    Ma in fondo chi li vede questi poveracci, è perfino Natale!
    Distruggerli costa niente, eppoi a chi dovrebbe interessare di loro?

    andreina corso

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.