8.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Spregio in chiesa a Venezia: vandalo ha defecato e si è pulito con un drappo sacro

HomeAltre NotizieSpregio in chiesa a Venezia: vandalo ha defecato e si è pulito con un drappo sacro
la notizia dopo la pubblicità

Spregio in chiesa a Venezia: vandalo ha defecato e si è pulito con un drappo sacro

Se le cose potessero parlare, gli oggetti sacri protestare, cosa direbbero davanti a tanta brutalità, a tanto spregio di cui è capace l’uomo? Probabilmente chiederebbero aiuto, senza sapere a che santo rivolgersi.

Sembra impossibile crederci, ma qualcuno è entrato nella Cappella del Convento di San Francesco della Vigna, si è messo in un angolo e lì ha defecato, ripetutamente, come niente fosse.

Risparmiamo alle lettrici e ai lettori stucchevoli particolari, e incontriamo nel nostro pensiero il parroco della chiesa, il frate Sebastiano Simonitto, attonito nel momento della scoperta indotta da puzze nauseabonde, lo sosteniamo idealmente mentre cerca di capire ed è già tutto chiaro sul pavimento violato, mentre sposta gli occhi sulle pareti e vede il dipinto di Giacomo Bellini, incontra la Madonna, Gesù bambino e i Santi, si inginocchia per concentrarsi, sapere come si dovrà comportare, dopo aver pulito tutta quella indecenza.

Chi è stato o non è stato, è faccenda del “dopo”. Intanto il parroco fa appello ai parrocchiani, chiede loro di aiutarlo a controllare il convento, la chiesa, che è un luogo di culto da mezzo secolo, è anche casa loro, chi ha profanato forse era uno sbandato, un irresponsabile, ma un gesto così offensivo il frate non se lo sarebbe mai immaginato. Come un moderno, ma sempre vivo Don Abbondio, lo pensiamo mentre riflette amaramente sul che fare, la carità impone di perdonare, il senso civico da denunciare e la via di mezzo, forse la migliore, di vigilare.

“Fatevi custodi”, invoca il frate, che negli ultimi tempi ha constatato alcuni furti di candele,” custodi dell’uomo, delle chiese e della città, sembra ricordare nel suo accorato appello”. E non è troppo auspicare all’aiuto e al soccorso di tante persone che a causa di un disagio sociale o comportamentale, mietono situazioni insopportabili e invivibili nei loro e altrui confronti.

Andreina Corso

28/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.