7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Vaccinazioni: Pfizer aumenta forniture. Guariti Covid categoria prioritaria

HomeVaccini e vaccinazioniVaccinazioni: Pfizer aumenta forniture. Guariti Covid categoria prioritaria
la notizia dopo la pubblicità

Vaccinazioni continuano: da una parte le informazioni preliminari sui decessi escluderebbero il coinvolgimento del vaccino, dall’altra Ema rassicura su AstraZeneca e l’Italia e la Francia sono pronte a far ripartire speditamente le somministrazioni. Mario Draghi e il presidente francese Emmanuel Macron si sono sentiti al telefono subito dopo le parole della direttrice dell’Agenzia europea del farmaco Emer Cooke, che ha fatto presagire una conclusione positiva, attesa ufficialmente per giovedì, delle indagini sul farmaco anglo-svedese.
Intanto si provvede ai circa 200mila italiani che hanno saltato la prima somministrazione del vaccino a causa della sospensione di Astrazeneca (“l’impatto sarà riassorbito nell’arco di un paio di settimane”), grazie anche all’incremento delle dosi in consegna da parte di Pfizer.
Il punto sullo stop ad Astrazeneca è stato fatto a palazzo Chigi dopo una giornata di incontri, riunioni, contatti con le case farmaceutiche e approfondimenti con le regioni da parte degli uffici del Commissario per l’emergenza Francesco Paolo Figliuolo, partendo da un presupposto: salvo stravolgimenti, al momento non previsti, da Bruxelles dovrebbe arrivare il nuovo via libera all’utilizzo del vaccino.

La sospensione di AstraZeneca non dovrebbe andare dunque oltre i 4 giorni e, vista la media di somministrazione tenuta fino ad oggi, non porterà disagio a più di 200mila persone che si erano prenotate e che dovranno essere richiamate. Un “rallentamento”, spiegano fonti di palazzo Chigi, che sarà riassorbito in 15 giorni. Dunque entro la fine di marzo. E questo anche grazie all’incremento di 707.850 dosi di Pfizer che si andranno ad aggiungere a quelle in arrivo entro il 31 marzo da parte della casa farmaceutica americana , che ad oggi ne ha consegnate 5.908.500. Nelle prossime due settimane, se i programmi verranno rispettati, Pfizer dovrebbe dunque consegnare oltre 3,8 milioni di dosi.
Venerdì comunque si dovrebbe riprende a somministrare anche AstraZeneca: il Commissario è in costante contatto con le regioni – alcune delle quali hanno bloccato le prenotazioni – che dovranno o richiamare immediatamente chi era prenotato per il 16, 17 e 18 marzo, facendo scalare tutti gli altri, oppure dovranno inserirli tra coloro che sono già prenotati per le prossime settimane, aumentando le somministrazioni. Chi si era prenotato e non dovesse presentarsi, viene sottolineato da fonti di governo, scalerà ovviamente in fondo alla fila.

Nel corso delle riunioni è stato poi definito anche un altro problema: come individuare i ‘riservisti’, cioè quei soggetti che se dovessero avanzare dosi di vaccino devono essere chiamati per la somministrazione? Si è deciso che saranno individuati tra coloro che sono già prenotati per i giorni successivi sempre all’interno delle categorie indicate dal piano: se dai centri vaccinali ci si dovesse accorgere della possibilità che ci siano dosi residue, partirà una segnalazione a Poste italiane – che ha una piattaforma informatica che consente sia la tracciatura dei vaccini sia la prenotazione online – e sarà Poste ad inviare un sms per convocare i soggetti.
Si affronterà invece nei prossimi giorni la questione della vaccinazione per gli oltre 2,6 milioni di guariti dal Covid. Aifa, Iss e ministero della Salute hanno ribadito che devono essere vaccinati tra i 3 e i 6 mesi dopo la guarigione. E dunque bisogna inserire anche questi soggetti tra le categorie prioritarie.

Intanto, dopo il Commissario per l’emergenza e il capo della protezione civile, il governo ha messo mano anche al terzo pilastro ‘tecnico’ della gestione dell’emergenza, il Comitato tecnico scientifico. L’organismo è stato dimezzato, passando da 24 a 12 membri: si è reso necessario, in relazione alla nuova fase dell’emergenza e dell’accelerazione delle vaccinazioni, dice il Dipartimento della Protezione Civile cui spetta la nomina del Comitato, “razionalizzare le attività al fine di ottimizzarne il funzionamento”. D’intesa con palazzo Chigi è stato scelto Franco Locatelli come coordinatore e Silvio Brusaferro (nella foto) come portavoce, mentre del vecchio Cts restano anche il direttore scientifico dello Spallanzani Giuseppe Ippolito, il direttore della Prevenzione del ministero della Salute Giovanni Rezza, e Fabio Ciciliano, che fino ad oggi svolgeva le funzioni di segretario e che sarà invece sostituito dall’avvocato dello Stato Sergio Fiorentino.

» potrebbe interessarti anche: “Vaccino AstraZeneca: i casi di morte sospetta oggetto di indagine

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate
spot

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...
Advertisements

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...