24.9 C
Venezia
venerdì 18 Giugno 2021

Vaccinazioni, Bassi: “La Presidente della Commissione regionale Pari Opportunità non tutela il suo ruolo con esternazioni tranchant su Facebook”

HomeVaccini e vaccinazioniVaccinazioni, Bassi: “La Presidente della Commissione regionale Pari Opportunità non tutela il suo ruolo con esternazioni tranchant su Facebook”

Meningite, anche in Veneto richieste di vaccino aumentate drasticamente

“Una figura istituzionale che occupa un ufficio con funzioni super partes deve fare molta attenzione nell’esternare giudizi politici riguardanti l’ente per il quale svolge un servizio”.

Non ha esitazioni il consigliere regionale Andrea Bassi, di Centro destra veneto – Autonomia e Libertà, che ha presentato una interrogazione urgente a seguito della presa di posizione della dottoressa Elena traverso “che ha aspramente e pubblicamente criticato in un post apparso su Facebook la decisione assunta dalla Giunta regionale del Veneto di impugnare davanti alla Corte Costituzionale il cosiddetto decreto Lorenzin, che reintroduce l’obbligo vaccinale a livello statale”.

“Sia chiaro – spiega Bassi – non mi sogno nemmeno lontanamente di criticare il diritto di ciascuno ad esprimere liberamente il proprio pensiero. Mi chiedo però se una persona che ricopre anche un ruolo delicatissimo e le cui parole, in virtù dell’ufficio che occupa, assumono indubbiamente un peso particolare, non debba fare estrema attenzione nell’esprimere una valutazione squisitamente politica con toni ed espressioni che suonano inappropriati se non decisamente sopra le righe e che possono disorientare il cittadino in una materia, peraltro particolarmente complessa. Personalmente credo che la Presidente non abbia né tutelato il suo ruolo, né reso un servizio all’ufficio che occupa. Nella mia interrogazione, come ho detto, non censuro la libera espressione e l’esercizio critico, ma chiedo al Presidente Zaia e alla Giunta se non sia il caso di richiamare la presidente a mantenere un comportamento equilibrato, cosa che, in questo caso, non è accaduto. Purtroppo gli strumenti social, da Twitter a Facebook o simili, sono delle vere e proprie piazze pubbliche: non sono spazi privati in cui ci si può andare a commenti anche salaci. Un personaggio pubblico, che ha un ruolo di garanzia, non può non considerare l’eco che le sue dichiarazioni possono avere grazie ai social e proprio per questo deve fare la massima attenzione nell’esternare giudizi e a maggior ragione se questi giudizi sono tranchant”

Consigliere regionale Andrea Bassi
(Centro Destra Veneto – Autonomia e Libertà)

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor