Si tuffa nell’acqua bassa, rischia paralisi: doppia frattura cervicale

ultimo aggiornamento: 21/08/2015 ore 09:34

530

tuffo acqua bassa frattura cervicale

Tuffi estivi al mare, delizia delle giornate afose e croce delle cronache quando non si rispettano i parametri di sicurezza.
Ieri un trentenne trevigiano, L.L., in spiaggia al lido di Jesolo, sull’arenile di piazza Milano, ha rischiato la vita tuffandosi da un pontile.

Il trentenne si sarebbe tuffato in un punto dove l’acqua è troppo bassa. Immerso, ha battuto la testa sulla sabbia, che nel sottofondo è compatta e dura, ma è riuscito a riemergere per chiamare aiuto, visibilmente in difficoltà.


Soccorso, è stato trasportato d’urgenza dal 118 all’ospedale di Jesolo dove gli è stata riscontrata una doppia frattura cervicale, anche se fortunatamente sembra esclusa al momento la possibilità di paralisi. Il rischio, in questi casi, è quello di perdere l’uso degli arti inferiori.
Il 30enne nel pomeriggio è stato trasferito all’ ospedale di Mestre.

Tuffi in mare, improvvisamente parte elica dello yacht: morta ragazzina di 11 anni (articolo correlato)

Redazione


21/08/2015

Riproduzione vietata

Si tuffa nell’acqua bassa, rischia paralisi: doppia frattura cervicale

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here