Tubercolosi a Verona, donna romena ricoverata, assisteva figlio neonato

ultimo aggiornamento: 30/03/2015 ore 08:37

98

Tubercolosi a Verona, donna romena ricoverata

Un caso di tubercolosi a Verona.

Ad una donna romena è stata diagnosticata una tubercolosi polmonare bacillifera.


La malattia è stata diagnosticata a Verona, mentre la donna faceva assistenza alla figlia nata prematura, e ricoverata nel reparto di terapia intensiva neonatale al policlinico.

La neomamma romena è stata immediatamente ricoverata nel reparto di malattie infettive ed è scattato il piano di sicurezza – previsto dalle linee guida del Ministero della salute – per monitorare prima i piccoli ricoverati e quindi i familiari (in tutto 80 persone) che possono avere avuto contatti con la paziente affetta da Tbc.

“In queste ore – ha spiegato il direttore generale dell’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona, Francesco Cobello – il personale medico sta contattando i nuclei familiari interessati per una visita infettiviologica, raccolta di anamnesi ed esecuzione di esame obiettivo”.


“Non c’è assolutamente nessun allarme – ha aggiunto -, intanto è scattata la profilassi per circa una ventina di neonati, mentre tra i genitori saranno chiamati solo quelli che dovranno essere sottoposti a controllo. Nessuno deve rivolgersi spontaneamente alle nostre strutture”.

Laura Beggiora

14/03/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here