Trovato corpo di donna in pigiama ancorato a blocchi di cemento per tenerla sotto

255

Giallo di Verona, madre e figlia uccise dal figlio e fatte a pezzi

Le idagini per il ritrovamento del corpo di una donna in pigiama ancorato a blocchi di cemento per tenerla sotto acqua sono cominciate ed ora si sono apprese anche le generalità della vittima.

Gabriella Fabbiano è la donna uccisa e avvolta in un telo di cellophane che ieri pomeriggio è stata trovata all’interno di una cava abbandonata a Cernusco sul Naviglio (Milano). Aveva 43 anni e viveva proprio nel comune dell’hinterland milanese.

Nessuno aveva denunciato la sua scomparsa, un dettaglio compatibile con la data della morte secondo i primi accertamenti del medico legale: non più tardi di uno o due giorni prima.

La donna era in pigiama e senza scarpe, le mani legate, il telo tenuto chiuso da filo e cinghie di una tapparella, infine tre blocchi di cemento avevano la funzione di affondare il cadavere e mantenerlo sott’acqua.

Gli investigatori escludono che possa trattarsi di una prostituta, ipotesi avanzata in un primo momento, e stanno valutando con interesse l’abbigliamento casalingo della vittima.

Chi l’ha uccisa potrebbe averlo fatto in casa e soprattutto potrebbe aver conosciuto bene la donna. In attesa che l’autopsia disposta dal pm Francesco Cajani riveli le cause della morte, i carabinieri hanno iniziato a cercare risposte attorno alla vita relazionale della 43enne.

Redazione

06/12/2016

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here