19.8 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Trapattoni: “Grande dolore per la morte di Boniperti”

HomeJuventusTrapattoni: "Grande dolore per la morte di Boniperti"

Trapattoni: “Un grande dolore, era il più grande”.
Giocatori e tecnici che lo ebbero come presidente e ‘scopritore’, vecchi e nuovi juventini, avversari e azzurri: tutto il mondo del calcio saluta commosso e addolorato la scomparsa di Giampiero Boniperti, chi con gratitudine per essere stato da lui scoperto e lanciato, chi per averne ammirato lo stile e la forza.
E la nazionale giocherà col lutto al braccio la terza partita degli Europei, contro il Galles.
Giovanni Trapattoni è tra i più addolorati, lui che Boniperti volle come allenatore bianconero nel 1976, iniziando così il ‘decennio d’oro’ della Vecchia Signora.
“Per me e’ stato come un padre – ha detto oggi il tecnico, all’ANSA – nel calcio a lui devo molto, se non tutto, e la notizia della sua morte per me e’ un colpo al cuore.
‘Alla Juve vincere non e’ la cosa importante ma l’unica cosa che conta’ e’ la frase che lo descrive perfettamente – ha ricordato, trattenendo la commozione – ma

dietro quell’apparenza di durezza, che poi era solo rigore etico e un voler esser esigente con gli altri e con se stesso, c’era un presidente pronto a insegnare e a sostenerti, anche nelle sconfitte”.
Un presidente senza favoritismi, nemmeno quando a Torino arrivò ‘Le Roi’ Platini: “Era il più grande giocatore italiano – ha chiosato il Trap – non poteva avere come ‘cocco’ un francese”.
Anche il portiere e capitano Dino Zoff ha pianto Boniperti, “una parte importante della mia vita e di quella Juve: ne e’ stata l’anima, direi che ha creato lo stile Juve, per regole, modi e dedizione. Era stato un grande giocatore – ha aggiunto – e’ stato un grande presidente, simbolo di quel calcio sicuramente diverso”.
Michel Platini ha detto: “Boniperti era la Juventus, soprattutto la ‘sua’ Juventus, era l’uomo azienda, cercava di avere dentro la squadra soltanto gente capace di vincere. Era un uomo forte e molto freddo, ma capace di accendersi per situazioni di gioco, di vigilia e post partita”.

Dei giocatori di quella grande Juve, Claudio Gentile ne ha ricordato la “competenza nella gestione della squadra con l’allenatore. Era molto attento coi giovani, ci diceva sposatevi perché voleva che avessimo la famiglia e stessimo tranquilli”.
Franco Causio via Instagram gli ha detto “grazie per tutto quello che mi hai insegnato, mio unico presidente”.
Di “dolore immenso” parla il presidente Figc, Gabriele Gravina, per il quale “competenza, stile e determinazione di Boniperti ci hanno insegnato molto”.
Marcello Lippi, mister della ‘nuova Juve’ ha sottolineato che “la Juventus è Boniperti nel mondo, e viceversa. Sono arrivato a Torino quando lui non c’era più, ma riconosco che sia stata una figura tra le più importanti”.

Alex Del Piero, portato a Torino da Padova nella seconda stagione di Boniperti, gli dice che “nessuno è stato la Juventus come lei, e nessuno lo sarà. Le sarò grato per sempre e spero di essere riuscito a ricompensarla sul campo e fuori dal campo come voleva lei”.
E il presidente del nuovo corso, ancora vincente, Andrea Agnelli, lo definisce “leggenda per tutti”.

Gli fa eco Leonardo Bonucci, che augura “buon viaggio” al “Presidentissimo”.
La nuovissima leva Federico Chiesa, ha affermato infine che “è scomparsa un’icona del calcio italiano e mondiale”.

Tutto il calcio italiano è oggi in lutto: tutte le società e le autorità dello sport, compresi avversari storici come l’Inter, che definisce Boniperti “grande uomo di sport e nobile avversario in tantissime leggendarie pagine di calcio”, mentre per Urbano Cairo è stato “un orgoglioso avversario del Grande Torino ma sempre mostrando stima e ammirazione per i campioni granata”.

» leggi anche: “Morto Giampiero Boniperti, aveva 92 anni. Ultima ora

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.