Tram, introduciamo la fermata su richiesta sul Ponte della Libertà

ultimo aggiornamento: 08/10/2015 ore 15:59

131

Caro Direttore,
Il tram, già malato di suo, soffre pure per i serbatoi, delle auto, asciutti, della scarsa manutenzione dei proprietari dei veicoli e chi ne ha più ne metta.
La terapia? Semplice: riservare una corsia esclusivamente al percorso del tram.

Si da’, però, il caso che le corsie, sul ponte della libertà siano solo due e la terapia adottata produrrà l’unico effetto di spostare alla corsia desinata alle macchine le “insidie” che ora hanno penalizzato il tram ed in tal modo si bloccheranno più persone di quante ne trasporti il mezzo dell’ACTV.
“Pezo el tacon del buso” .

Si potrebbe, allora, introdurre la “fermata a richiesta” del siluro rosso, sulla tratta corrispondente al Ponte, in modo tale che l’autista bloccato, nella sua macchina, sulla corsia “riservatagli” dalle Autorità, possa proseguire il suo percorso e raggiungere la sua “ meta” con grande soddisfazione di tutti!!


gianeselli iginio

08/10/2015


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here