6.1 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Tra le infinite cose – Il tradimento di coppia e il dolore della famiglia

HomeLibri, recensioni e nuove usciteTra le infinite cose – Il tradimento di coppia e il dolore della famiglia
la notizia dopo la pubblicità

tra-le-infinite-cose-cover

Quando si insinua nella frenetica ma regolare vita quotidiana, il tradimento del partner va a minare il rapporto e forma crepe in tutta la famiglia. I primi a soffrirne sono ovviamente i figli, si sentono ”morire” ed inspiegabilmente in colpa. La scrittrice Julia Pierpont ha dedicato questo suo romanzo d’esordio proprio ai più piccoli, che si ritrovano catapultati in un mondo sconvolto, vittime delle scelte e degli errori degli adulti.

Tra le infinite cose (Mondadori, pagg 285, 19€) ha per protagonista una famiglia contemporanea che vive a New York: la mamma Deborah ”Deb”, ex ballerina di teatro, Jack, il padre artista squattrinato, Kay, la figlia più piccola di unidici anni e Simon, il maggiore, quindicenne. Un brutto giorno la loro vita viene sconvolta dall’arrivo di un pacco indirizzato a Deb: dentro ci sono tutte le email scambiate tra Jack e la giovane amante. Un gesto di ripicca proprio da parte di quest’ultima, usata e poi lasciata, che non sa però, che a leggere per primi le comunicazioni scabrose, saranno Kay e il fratello.

Due figli, uno adolescente ed una ancora in età infantile, che tutto ad un tratto devono fare i conti con una realtà straniante: l’infedeltà paterna. Come reagiranno? Come cambieranno la loro vita, le loro abitudini? Accanto a loro, la madre, costretta a soffrire in silenzio per salvaguardare il benessere del nucleo familiare.

Di storie così se ne sento tante in giro, ed è forse proprio questo calarsi nella realtà contemporanea che porta il lettore ad apprezzare maggiormente il romanzo della scrittrice. Un viaggio attraverso i vari punti di vista dei soggetti coinvolti in questa vicenda dolorosa, per tastarne il clima, capire gli stati d’animo e come ognuno di loro affronti la crisi in modo diverso.

Jack, commesso l’errore vuole fare tabula rasa, la più piccola, Kay è pronta a ”perdonarlo”, a trascorrere con lui del tempo, Simon invece sta dalla parte della madre, una Deborah che non vuole perdonare, non dimentica e soffre fino a mancarle il respiro.

La disperazione silenziosa, sentimenti che muoiono ed altri che nascono, Tra le infinite cose può quasi essere considerato un romanzo di formazione: tutti i personaggi sono costretti a crescere, a cambiare le loro vite, ad aggiustare e ricomporre i pezzi, lì dove ancora si può.

Senza dubbio a colpire il lettore, oltre alla storia, è anche la singolare struttura narrativa utilizzata dalla Pierpont: il finale arriva inaspettatamente a metà del libro, quasi come stacco, anzi, distacco, dalla storia, ad alcuni potrà piacere ad altri no, ciò che si sottolinea è però il coraggio di questa scrittrice agli inizi, una scelta azzardata la sua, ma in parte riuscita.

La metà dei personaggi la si conosce già, ma è ugualmente interessante scoprire cos’hanno ancora da offrire le loro vite, qual è il futuro più prossimo, accompagnandoli quasi per mano verso la fine del racconto. Non di certo un capolavoro, ma sicuramente un libro intrigante, in grado di far riflettere, emozionare e forse parteggiare per qualcuno, almeno per i più piccoli.

Alice Bianco

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

Venezia: da oggi mascherine all’aperto in certe aree. Ecco dove

Venezia: allargamento dell’obbligo dell’uso di mascherine all'aperto alle aree della movida e nelle piazze. Dal 6 dicembre Green Pass obbligatorio fin dai pontili degli imbarcaderi per favorire i controlli a campione

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...