9.1 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Torna il Grand Tour della Fenice, con il sostegno di Generali Italia

HomeTeatroTorna il Grand Tour della Fenice, con il sostegno di Generali Italia
la notizia dopo la pubblicità

Torna il Grand Tour della Fenice, con il sostegno di Generali Italia

Generali Italia nell’ambito del progetto Valore Cultura sosterrà il Teatro La Fenice nella Stagione 2017-2018 in una delle sue iniziative di maggior successo dedicate al giovane pubblico: il Grand Tour della Fenice, un laboratorio proposto sia agli istituti scolastici che alle famiglie per conoscere lo spazio teatrale della Fenice e i suoi segreti sonori.

Questo ‘percorso musicale’ porterà a Teatro anche quest’anno oltre duemila bambini delle scuole d’infanzia e del primo ciclo di scuola primaria, con appuntamenti fissati ogni lunedì mattina, su prenotazione, da ottobre 2017 a maggio 2018.

Riveste grande importanza il sostegno garantito alla Fenice da Generali Italia, storico Socio Sostenitore, attraverso Valore Cultura, progetto nato con l’obiettivo di avvicinare un pubblico sempre più vasto all’arte e alla musica.

In questo quadro si situa l’impegno che Generali Italia, aderendo al messaggio promosso dall’Art Bonus – il progetto promosso dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per favorire il mecenatismo culturale – ha assunto nei confronti di tre importanti Fondazioni Liriche italiane per creare coinvolgimento degli over 65 e formazione per bambini, ragazzi delle scuole: il Teatro La Fenice di Venezia, il Teatro San Carlo di Napoli e il Teatro alla Scala di Milano.

Il Grand Tour della Fenice si inserisce in questo filone di attività ed è solo una delle numerosissime attività che la Fenice dedica al pubblico dei più piccoli e alle famiglie. Attività diversificate, che vanno dai laboratori pratici alla partecipazione degli studenti alle prove generali, dalle lezioni-concerto agli incontri formativi e di preparazione all’ascolto e alla visione di un’opera lirica, fino ai corsi di approfondimento per i docenti pensati per offrire ai formatori un aggiornamento multidisciplinare, musicale, artistico e tecnologico.

L’obiettivo comune a tutte le iniziative è quello di avvicinare i più giovani al teatro e alla musica e dare loro la possibilità di vivere questa esperienza non solo insieme alla classe e con le insegnanti, ma anche in compagnia dei propri genitori e della famiglia. Il ricco calendario di attività e i nuovi programmi didattici dedicati alle scuole di ogni ordine e grado sono online nella sezione «Education» del sito www.teatrolafenice.it.

Tra gli altri progetti per la scuola primaria si ricordano almeno i laboratori il Gran teatro componibile e La platea della Fenice per cantare, oppure La Fenice dei piccoli con la giornata musicale del coniglietto Teo.

Si rinnova inoltre il progetto Una volta c’era un re: La Cenerentola di Rossini, nuova edizione di «Bice alla Fenice», laboratorio itinerante di narrazione e ascolto musicale che prevede interventi musicali dal vivo e la partecipazione attiva dei bambini della scuola d’infanzia e del primo ciclo della scuola primaria. Si tratta di un progetto realizzato con la collaborazione del Conservatorio Cesare Pollini di Padova e di Adimus.

Tra le iniziative dedicate alla scuola secondaria di secondo grado, segnaliamo il progetto speciale Un capolavoro chiamato Italia, novità di questa Stagione, e ancora, sempre per i più grandi, il workshop I mestieri dell’opera per far conoscere ai ragazzi le molteplici figure professionali non prettamente artistiche che lavorano alla realizzazione di uno spettacolo.

Da segnalare infine le due nuove produzioni liriche rivolte al giovane pubblico, che saranno presentate al Teatro Malibran e realizzate in collaborazione con il Conservatorio di Musica Benedetto Marcello di Venezia e con la partecipazione dell’Orchestra del Conservatorio: Zenobia, regina de’ Palmireni di Tomaso Albinoni e Il regno della luna di Niccolò Piccinni.

Ricordiamo che la sezione «Education» del sito www.teatrolafenice.it è una vera e propria piattaforma didattica, attraverso la quale gli insegnanti possono formalizzare le iscrizioni, entrare a far parte della Community Fenice Teatro Digitale e scaricare tutti i materiali formativi relativi ai corsi a loro dedicati e agli approfondimenti per gli studenti.

Le attività «Education», fanno parte del protocollo d’intesa tra la Fondazione Teatro La Fenice e l’Ufficio scolastico regionale per il Veneto del MIUR. Per informazioni [email protected], tel. 041786681.

(foto: Maurizio Crosera. La foto ha l’autorizzazione scritta alla pubblicazione di tutti i genitori dei bimbi ritratti in foto)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...