Thohir e Inter, conti e fondi sul filo del prestito (da restituire)

ultimo aggiornamento: 28/05/2015 ore 18:51

165

Thohir e Inter, conti e fondi

Thohir e Inter, conti e fondi che procurano una certa preoccupazione nei tifosi nerazzurri.
16 novembre 2016. Data fatidica per l’Inter: scadrà infatti il triennio di Erick Thohir, che quando acquistò la società il 15 novembre 2013 disse: «Mi impegno a supportare patrimonialmente e finanziariamente la società per almeno un triennio». Poi cosa succederà?
Pare che l’indonesiano, dopo i 22,3 milioni di euro all’8 per cento già dati sotto forma di prestito, però, abbia concesso un nuovo finanziamento: 60 milioni ad un tasso superiore al 9 per cento. Le banche infatti non si fidano e l’unica possibilità finanziaria sembra proprio essere Thohir.
Intanto il 30 giugno prossimo scade la prima rata (un milione) del maxi prestito Goldman Sachs da 230 milioni. Da settembre poi, scattano le rate trimestrali da 3 milioni fino alla maxi rata finale di 184 milioni nel 2019.
È quindi da sperare che le strategie del management funzionino e che si realizzino le proiezioni del business plan: ricavi +70% a 287 milioni da qui al 2021 con una squadra che riesca sempre ad entrare almeno in Europa League.
Per adesso, secondo i dati a dicembre 2014, il patrimonio netto è negativo di 48 milioni.

Redazione


28/05/2015

Riproduzione vietata


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here