venerdì 28 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

The Power of the Dog (Venezia 78.)

Venezia Mostra del cinema 78
“THE POWER OF THE DOG” (Jane Campion)
Film in concorso
Con : Benedict Cumberbatch, Jesse Plemons, Kirsten Dunst, Kodi Smith Mc Pee

Premessa: la Campion è una gran regista.
Nei suoi film più noti il legame (sarebbe meglio dire lo “scollamento”) tra uomo e la natura hanno il sapore del suo paese di nascita, la Nuova Zelanda.
Gli uomini: il problema.
Anche in questo “The power of the dog” questi elementi sono presenti in maniera vivissima.
Una spettacolare messinscena del west del 1925, sottolineata dalle luci quasi caravaggesche di Ari Wegner.
La vastità indifferente dell’ambiente che fa sembrare piccola cosa le costruzioni umane. Elementi realizzati perfettamente che danno vigore a un film che narrativamente non è così brillante come la messinscena.
Le strade per giungere al redde rationem sono suddivise in capitoli che creano smarrimento che rasenta la confusione. Per cui il film, complessivamente più che buono e talvolta bellissimo, non trova risoluzione proprio per la sceneggiatura, un po’ impazzita e faticosa. E, tutto sommato, con un racconto di “buoni” e “cattivi” non proprio originale.

In mezzo alle figure di Benedict Cumberbtach e Jesse Plemons, fratelli rivali ( il primo rude continuatore della stirpe dei mandriani misogini e violenti; il secondo apparentemente sensibile e mediatore) si situa il personaggio della Dunst, che è una “insegnante di piano” di nuovo sottomessa, che ha perso la voglia di rivalsa e di vita. Tocca al personaggio di suo figlio, (Kodi Smith Mc Pee), creatura androgina, a sparigliare le carte stabilendo un legame inaspettato con la zona macho della tormentata famiglia allargata.
Se il film vince a piene mai per la messinscena, sempre torrida, sempre “neozelandese”, sempre indifferente e implicitamente violenta, si resta un po’ delusi riguardo il senso ultimo del film; sorpresa non sorpresa, ritorno alla legge del taglione che non si vorrebbe ma da cui non si riesce a scappare.

Da questo punto di vista la regista sembra decidere di regalare la “vittoria” a un personaggio che è uomo e donna insieme, che è giovane, che è un nostro “contemporaneo”. E sembra rinunciare alla figura femminile come redentrice di un mondo dominato da maschi che non hanno il coraggio di guardarsi dentro e per i quali la linea di sangue è ininterrotta e irredimibile.

Nonostante ciò il film vale una visione, rigorosamente al cinema. Perché anche in un film imperfetto la regista sa mostrarci come può essere “grande” lo schermo se hai lo sguardo allenato alla desolazione della terra e dell’anima. Interpretazioni semplicemente impeccabili, in particolare da parte di Cumberbatch nell’inedito ruolo del rude mandriano.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Giovanni Natoli
Giornalista e critico cinematografico. Puntuale testimone della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, pubblica le sue recensioni sulla rubrica 'Moviegoer, appunti di uno spettatore cinematografico'.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Carnevale di Venezia 2022 “soft”: controlli e niente feste di massa

"Venezia è pronta a ripartire, sarà un Carnevale certamente non di massa, non ci sarà il volo dell'Angelo (il volo dal campanile di San Marco al palco), ma ci saranno tanti controlli. La città ha dimostrato di saper gestire bene la...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...