20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Test di Medicina falliti, “errore tecnico”, ma studenti dichiarano inefficienze

HomeCronacaTest di Medicina falliti, "errore tecnico", ma studenti dichiarano inefficienze

Ma Galan doveva restare ricoverato o no?

“Come è possibile che si possano commettere errori di queste proporzioni: come può accadere che si invertano i test?”. E’ la domanda posta in tono pesante dal Sindacato dei medici italiani, dopo l’annullamento dei test d’ingresso alle Scuole di Specializzazione di Medicina per un errore tecnico.

“Parliamo della vita quotidiana e del futuro di migliaia di medici – afferma in una nota il segretario generale del Sindacato dei Medici Italiani, Pina Onotri, insieme al settore giovani dello Smi, “Formazione e Prospettive” – ; quanto sta succedendo con le prove di selezione delle scuole di specializzazione in Medicina è inaccettabile. A poche settimane delle polemiche attorno al concorso di medicina generale, ci ritroviamo con altri 12.000 camici bianchi fortemente penalizzati, danneggiati professionalmente (e psicologicamente) ed economicamente, ed ora trattati come studenti delle elementari”.

I nuovi test per l’ingresso a Medicina hanno coinvolto 11 mila persone, si trattadi laureati che da mesi aspettavano il primo concorso nazionale per aggiudicarsi le 5 mila borse di studio quinquennali delle scuole di specializzazione e poter finalmente ottenere la «patente» di medico ed esercitare la professione.
Invece occorrerà ricominciare tutto da capo.

I test sono stati invalidati per «un errore di importazione: dal cd del Miur al database del Cineca che erogava i quiz», un «banalissimo errore di esecuzione» ha invertito le 30 domande generali di due aree: quelle dei Servizi clinici al posto dell’area Medica e viceversa.
Un banale errore tecnico che ha costretto il ministero dell’Istruzione ad annullare le prove del 29 e 31 ottobre.

La nuova modalità dei test doveva essere la rivoluzione del sistema di accesso, il primo concorso nazionale basato davvero su trasparenza e merito: una «rivoluzione» che prevedeva prove in contemporanea in 442 aule in tutta Italia, con 12 mila computer accesi tutti nello stesso istante e con domande diverse per ogni candidato e un giudizio uguale per tutti.

Ma non tutto è andato così liscio. Alcuni candidati raccontano di computer bloccati, di aule non sorvegliate, quiz fatti in gruppo e pc collegati a Internet.

Redazione

03/11/2014

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.