venerdì 28 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Test di accesso a Medicina al via: sono 68.694 aspiranti medici per 11.568 posti di Medicina e Chirurgia

HomeIl PuntoTest di accesso a Medicina al via: sono 68.694 aspiranti medici per 11.568 posti di Medicina e Chirurgia

Test di accesso a Medicina al via: sono 68.694 aspiranti medici per 11.568 posti di Medicina e Chirurgia

Test di accesso a Medicina al via oggi: sono 68.694 gli aspiranti medici, 5 su 6 dei quali vedrà frustrate le proprie ambizioni. Cambiano anche i test: più domande di cultura generale e meno di logica.

Test di accesso a Medicina, i primi, partono oggi alle ore 11, per chi voglia accedere alle facoltà a numero chiuso.

Si parte con Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua italiana su tutto il territorio nazionale.

Sono 68.694 gli aspiranti camici bianchi iscritti alle prove di accesso per Medicina e Odontoiatria, l’anno scorso erano 67.005.

I posti a disposizione per l’anno accademico che sta per iniziare sono 11.568 per Medicina e Chirurgia, 1.133 per Odontoiatria. Sono aumentati: erano 9.779 lo scorso anno quelli in Medicina, 1.096 in Odontoiatria e protesi dentaria. Rimane il fatto che solo 1 ogni 6 ragazzi ce la farà ad entrare.

Troppo pochi per Arturo Maullu, coordinatore nazionale del Dipartimento università della Fgu Gilda-Unams, che spiega: “noi chiediamo da tempo l’abolizione del numero chiuso. Anche perchè mentre tanti giovani non riescono frequentare Medicina, un terzo dei laureati nella stessa facoltà non riesce neppure ad accedere alle scuole di specializzazione. Una follia, considerata la carenza di medici”.

Intanto un “in bocca al lupo” ai ragazzi che domani affronteranno i test arriva dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, il quale ricorda che il suo dicastero è riuscito “con impegno e determinazione ad aumentare i posti a disposizione per i nostri giovani studenti”.

Ma il numero di posti molto inferiore al numero delle richieste porta gli studenti italiani le cui famiglie possono permetterselo ad andare all’estero per studiare e ottenere la laurea in Medicina o poter accedere alla specializzazione.

I numeri dicono, per esempio, che già da alcuni anni la percentuale degli odontoiatri con laurea conseguita all’estero iscritti all’Albo è di circa il 40%, con un trend in crescita.

Inoltre, in alcuni Stati europei le lauree sono abilitanti, e questo significa che al termine del percorso di studio lo studente può iscriversi direttamente all’Albo dei medici locale.

Non è infatti previsto alcun esame di Stato per l’abilitazione e questo consente di accedere rapidamente alla specializzazione.

Complessivamente quest’anno sono 84.716 i candidati che si sono iscritti ai test per l’ammissione ai corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria, Architettura e Veterinaria. Per Architettura, gli iscritti sono 8.242, rispetto ai 7.986 del 2018. Le iscrizioni per la prova di Veterinaria sono 7.780, un anno fa erano state 8.136. Per quanto riguarda, invece, Medicina e Odontoiatria in lingua inglese, i candidati sono 10.450, nel 2018 erano 7.660. I posti a disposizione sono 759 per Medicina Veterinaria, 6.802 per Architettura.

Per protestare contro il numero chiuso l’Unione degli Universitari domani sarà al fianco degli studenti che affronteranno i test. “E’ un sistema contrario al diritto allo studio”, contesta il coordinatore dell’Udu, Enrico Galluni. L’Udu distribuirà delle guide ai test, invitando gli aspiranti medici a segnalare loro ogni irregolarità.

Per quanto riguarda le prove vere e proprie per Medicina, sono previsti come in passato 60 quesiti a cui i candidati dovranno rispondere in 100 minuti. Ma sarà ridotta la quantità delle domande di logica, che passano da 20 a 10. Mentre quelle di cultura generale saranno 12, fino allo scorso anno erano 2. Queste ultime faranno riferimento, in particolare, all’ambito storico, sociale e istituzionale, letterario.

Ci saranno anche quesiti relativi all’area di Cittadinanza e Costituzione.

Il 4 settembre sarà la volta di Medicina Veterinaria. Si continua con Architettura il 5 settembre, Professioni Sanitarie l’11 settembre, Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua inglese il 12 settembre, Scienze della Formazione Primaria il 13 settembre e Professioni Sanitarie (laurea magistrale) il 25 ottobre.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

“Dall’anno scorso vivo a Marghera, tutti mi chiedono: com’è via da Venezia?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Non è che chi va fuori non ami più Venezia, è lei che non c’è più”. Buongiorno, Dall’anno scorso vivo a Marghera nella casa di Mia madre nel quartiere Cita. Tutti mi chiedono come mi sento dopo aver lasciato Venezia. Sto...

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...