30.9 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Tesoro di Re Alarico – di Antonio Matragrano

HomeArte e CulturaTesoro di Re Alarico - di Antonio Matragrano

Tesoro di Re Alarico - di  Antonio Matragrano

Fin da bambino ascoltavo la storia sul tesoro di Alarico. Alarico I, (370 circa – Cosenza, 410), è stato Re dei Visigoti dal 395 alla morte. Fu l’autore del celebre saccheggio di Roma del 410 dopo il quale morì improvvisamente proprio nella mia città. Secondo la leggenda, venne seppellito con i suoi tesori nel letto del fiume Busento a Cosenza. Gli schiavi, che avevano lavorato alla temporanea deviazione del corso del fiume, furono uccisi perché fosse mantenuto il segreto sul luogo della sepoltura.

Il tesoro era un favoloso bottino da venticinque tonnellate d’oro e 150 d’argento sul quale la mia fantasia da artista visivo si è fermata per rendere visibile in modo artistico la leggenda. Ho inteso quindi dare inizio al progetto artistico “Tesoro di Re Alarico“, un viaggio onirico alla ricerca di quelle monete.

Proprio attraverso il sogno dell’artista ho quindi trovato quelle venticinque tonnellate d’oro e 150 d’argento che gradualmente saranno inserite nelle mie nuove opere d’arte. I preziosi metalli saranno riportati alla luce sotto la forma tipica delle monete, da me plasmate, nel’immaginario sogno.

Le monete di Alarico-Matragrano si poseranno poi su di un supporto, inizialmente dal colore scuro, in un’armonia di forme da me veicolate.

L’intero ciclo delle opere formeranno quindi il leggendario tesoro di Re Alarico.

Le opere saranno immerse nel mercato per collezionisti italiani ed internazionali.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.