18.2 C
Venezia
martedì 03 Agosto 2021

Telecomandi e ombrelli abusivi, Polizia Municipale sequestra

HomeNotizie Venezia e MestreTelecomandi e ombrelli abusivi, Polizia Municipale sequestra

ombrelli mantelline telecomandi bangla sequestrati a venezia

Il Comandante generale della Polizia Municipale di Venezia, Luciano Marini, ha reso nota un’operazione di contrasto alla vendita abusiva di prodotti potenzialmente pericolosi, realizzata nel pomeriggio di ieri, dagli agenti del Servizio Sicurezza Urbana, per scoprire i luoghi di approvvigionamento dei bastoni telescopici per l’autoscatto dei telefonini cellulari (i cosiddetti “selfie”) che hanno sostituito le palline antistress e autodeformanti.

I recenti sequestri di oltre mille articoli, avevano rivelato come detta mercanzia fosse del tutto priva di indicazioni sulle caratteristiche del prodotto e sul relativo produttore/importatore. Gli stessi telecomandi per l’autoscatto posti in vendita dagli abusivi del Bangladesh, funzionanti in tecnologia bluetooth, apparivano privi di qualsiasi indicazione e quindi anche in forte sospetto di pericolosità.

I pedinamenti sono stati eseguiti da dodici operatori della Polizia locale che hanno svolto cinque ispezioni amministrative in altrettanti punti vendita nella zona di via Piave. L’ispezione, oltre al sequestro di circa un migliaio di prodotti e alla consegna di cinque verbali amministrativi da 1.032 euro ciascuno, ha anche rivelato come i bastoni per “selfie” e i relativi telecomandi non fossero mai esposti nelle vetrine, mentre sugli scaffali se ne potevano trovare poche unità. Tutto ciò a conferma del sospetto che la pratica commerciale illecita fosse ben stata conosciuta dai negozianti. In un caso i “selfie” erano addirittura nascosti all’interno di valigie poste in vetrina per la vendita.

Oltre a centinaia di bastoni e relativi telecomandi, sono stati sequestrati anche mantelline e ombrelli che gli abusivi vendono in centro storico nelle giornate di pioggia. Anche per questi prodotti, privi di etichettatura e in forte sospetto di pericolosità verranno, in collaborazione con la Camera di Commercio, fatte le prove tecnico-qualitative previste dalla norma.

Ulteriori accertamenti saranno effettuati anche in relazione al marchio “C.E.”, che, laddove apposto, parrebbe un mero esercizio grafico.

Le operazioni proseguiranno anche nei prossimi giorni.

Redazione

28/11/2014

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.