Voce del Verbo. Supplire, 3a coniugazione, modo infinito

ultimo aggiornamento: 16/07/2015 ore 08:30

120

Fare le veci, rimpiazzare, sopperire.
Supplire è un verbo sostitutivo (con un po’ di ingerenza grammaticale), in quanto assolve a qualcosa di cui lui non è protagonista, ma appunto, supplente.
Gli può capitare di sentirsi risentito, anche in virtù della poca considerazione che gli si riserva (ingiustamente).

Finalmente dal prossimo Settembre molti insegnanti riceveranno la meritata cattedra, dopo anni di precarietà e incertezze.
Non tutto si può supplire facilmente, un amore, un ideale, una perdita, un’aspirazione vera.
Né una vita spesa male o errori irrimediabili.
Dentro di noi ci sono spazi insostituibili e sono quelli che appartengono alla sfera affettiva che teniamo stretti stretti alla ragione e al cuore. Non sono intercambiabili.

Andreina Corso


16/07/2015

Riproduzione vietata


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here