5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
10.9 C
Venezia
giovedì 22 Aprile 2021
HomeLibri, recensioni e nuove usciteSunburn, lo scottante noir di Laura Lippman

Sunburn, lo scottante noir di Laura Lippman

sunburn laura lippman

Quando si avvicina l’estate, la mia mente di lettrice esige di leggere un genere ben preciso, quel genere tra il thriller e il noir, quel genere che ti tiene con il fiato sospeso e che ti fa girare una pagina dietro l’altro. Quest’anno il mio guilty pleasure, è stato un guilty pleasure di classe e d’autore graze a DeA Planeta che ha edito un noir davvero teso come Sunburn di Laura Lippman.

Quando approda al bancone dell’High-Ho con la schiena bruciata dal sole e un cocktail in mano, Polly Costello è una donna in fuga. Da un passato difficile, dai troppi errori commessi, o forse soltanto da se stessa. Ma con il suo aspetto è difficile che passi inosservata. E infatti Adam Bosk la nota. Un primo scambio di battute insinuanti presto diventa un flirt, e il flirt una passione inaspettata. Quando, all’indomani di un terribile incendio, i resti di una donna vengono ritrovati nell’appartamento di Polly, il gioco da pericoloso si fa letale. Perché in una storia in cui nessuno dice la verità, Polly è sempre un passo avanti agli altri.

Avete mai provato le montagne russe? Quella sensazione di pericolo costante, ma anche di eccitazione? Ecco, questo è quello che ti fa provare un libro come Sunburn, dove non si ha tempo per riflettere su quello che sta succedendo, che già Lippman ci ha lanciati in un nuovo momento che fa trattenere il fiato pagina dopo pagina.

Se seguite la serie Killing Eve (e se non lo fate, fatelo immediatamente) Polly vi ricorderà la protagonista: sfuggente, dal passato nascosto, in grado di compiere qualsiasi cosa senza il minimo rimorso, così come vi ricorderà la protagonista della serie di Lisa Hilton, Maestra. Sono tutte donne di cui nella letteratura (Killing Eve è tratto da una serie di libri ndr) c’è bisogno, perché si distaccano dalla solita descrizione della donna e ci regalano delle protagoniste più che interessanti, anche se non si può condividere tutti i loro comportamenti.

In questo caso Polly è una donna sulla quale si potrebbe scrivere una tesi: è talmente ben scritta e creata che è davvero raro, soprattutto in libri del genere, trovare un personaggio così oscuro, ma anche dritto nelle sue convinzioni, nei suoi obiettivi. Capace ancora di amare, anche se a modo suo. Credo che di questi tempi ci sia bisogno di una scrittura come quella della Lippman, di personaggi come i suoi e di un noir così intenso, in grado di lasciarti sempre sorpreso e di non riuscire mai ad indovinare il finale.

Ad avercene di autrici così!

Sara Prian
Riproduzione vietata

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
Advertisements
sponsor